“Chiamatelo censimento, verifica, ricognizione. Io lo chiamo rispetto del codice civile e penale. I campi rom non sono la priorità del Paese, ho dossier più importanti su immigrazione, sicurezza,  lotta alla mafia e corruzione”. A dirlo, all’uscita dal Senato, è il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che sulla questione del “censimento” della popolazione rom fa un nuovo passo indietro. “In ogni caso lavoreremo in futuro con i sindaci, sapendo che questo tipo di controlli esistono da anni, ovunque, portati avanti da amministrazioni di tutti i colori politici“. “La razza – ha aggiunto Salvini – non mi interessa. Nei campi potrebbero vivere finlandesi o eschimesi“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rom, Speranza (LeU): “Ho deciso di denunciare il ministro Salvini per istigazione all’odio razziale. Fermare la deriva”

next
Articolo Successivo

Vaticano, Salvini non va alla cerimonia per il quinto anno di pontificato di Papa Francesco: “Impegnato al Viminale”

next