“Ascoltandovi, vedo la mia gente, perché anche io vengo dalla Terra dei fuochi. Leggeremo tutte le carte sull’Ilva, sarete parte della decisione che prenderemo”. Queste le parole del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, nel corso dell’incontro con le associazioni ambientaliste di Taranto. Intenzioni e parole che però non sembrano bastare alle diverse realtà incontrate dal ministro, deluse dall’attendismo del ministro. Per loro c’è una sola soluzione: il rispetto di quanto rivendicato dal M5s in campagna elettorale, ovvero “chiusura e riconversione immediata“. “Fino a poco prima delle elezioni la chiusura non era un tabù per i 5 Stelle, ora devono mantenere gli impegni”, c’è chi spiega. “Abbiamo chiesto a Di Maio di non essere merce di scambio con le aziende del Nord per accontentare l’alleato di governo. Se non manterrà le promesse di chiusura, per noi sarà come Calenda o Clini. O dei vari governi Pd. Con la differenza che il M5s diceva altro”. Per ora, però, Di Maio prende tempo: in giornata ha anche incontrato la delegazione di Arcelor Mittal. Per poi rivendicare: “Mi si chiede di risolvere in 15 giorni una questione rinviata per sei anni. Non ho super poteri, ma ce la metterò tutta”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ilva, Di Maio: “Vengo dalla Terra dei Fuochi, voglio garantire diritti ai tarantini” e annuncia decisioni importanti

next
Articolo Successivo

Matteo Salvini, quando paragonava gli zingari ai topi

next