Quali sono le best practice per tutti coloro che possiedono un immobile e desiderano affittarlo agli studenti? A dare una risposta a questo quesito ci ha pensato qualche giorno fa Immobiliare.it, con un articolo che spiega come preparare al meglio la casa per i fuori sede.
Se è vero infatti che la domanda da parte degli studenti, in particolare in questo periodo, si fa sempre più forte è altrettanto vero che l’offerta è sempre più differenziata e nutrita e ciò comporta, di conseguenza, la necessità per i proprietari di casa di adeguarsi alle nuove esigenze.

Si può arrivare a guadagnare il 30% in più

Secondo quanto rivelato da Immobiliare.it, seguendo alcuni piccoli consigli, è possibile riuscire a incrementare i guadagni del proprio immobile, accorciando in parallelo le tempistiche necessarie per portare a termine la locazione.
Ogni stanza, ad esempio, deve essere totalmente autosufficiente e perciò dotata di arredo indipendente che permetta agli inquilini di vivere in perfetta autonomia. Anche la cura degli spazi comuni si rivela di fondamentale importanza: oltre ad essere belli e confortevoli, devono avere a disposizione elettrodomestici di buona qualità e una connessione internet veloce.

Il contratto, poi, dovrebbe essere concordato con gli studenti fuori sede, in modo da agevolare entrambe le parti. Nella scelta degli affittuari, il locatario dovrebbe coinvolgere anche gli inquilini già presenti in modo da garantire una serena convivenza.
Anche il contesto infine vuole la sua parte: se l’appartamento da affittare si trova all’interno di un condominio il proprietario dovrebbe avere la premura di lasciare ai nuovi inquilini tutte le informazioni necessarie che consentano loro di vivere in armonia con gli abitanti dello stabile rispettando le regole del palazzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I tesori nascosti nelle case italiane “da collezione”

next
Articolo Successivo

Sette italiani su 10 pronti a ospitare eventi in casa

next