Quali sono le best practice per tutti coloro che possiedono un immobile e desiderano affittarlo agli studenti? A dare una risposta a questo quesito ci ha pensato qualche giorno fa Immobiliare.it, con un articolo che spiega come preparare al meglio la casa per i fuori sede.
Se è vero infatti che la domanda da parte degli studenti, in particolare in questo periodo, si fa sempre più forte è altrettanto vero che l’offerta è sempre più differenziata e nutrita e ciò comporta, di conseguenza, la necessità per i proprietari di casa di adeguarsi alle nuove esigenze.

Si può arrivare a guadagnare il 30% in più

Secondo quanto rivelato da Immobiliare.it, seguendo alcuni piccoli consigli, è possibile riuscire a incrementare i guadagni del proprio immobile, accorciando in parallelo le tempistiche necessarie per portare a termine la locazione.
Ogni stanza, ad esempio, deve essere totalmente autosufficiente e perciò dotata di arredo indipendente che permetta agli inquilini di vivere in perfetta autonomia. Anche la cura degli spazi comuni si rivela di fondamentale importanza: oltre ad essere belli e confortevoli, devono avere a disposizione elettrodomestici di buona qualità e una connessione internet veloce.

Il contratto, poi, dovrebbe essere concordato con gli studenti fuori sede, in modo da agevolare entrambe le parti. Nella scelta degli affittuari, il locatario dovrebbe coinvolgere anche gli inquilini già presenti in modo da garantire una serena convivenza.
Anche il contesto infine vuole la sua parte: se l’appartamento da affittare si trova all’interno di un condominio il proprietario dovrebbe avere la premura di lasciare ai nuovi inquilini tutte le informazioni necessarie che consentano loro di vivere in armonia con gli abitanti dello stabile rispettando le regole del palazzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I tesori nascosti nelle case italiane “da collezione”

next
Articolo Successivo

Sette italiani su 10 pronti a ospitare eventi in casa

next