di Gianluca Avagnina

La VI° edizione del National waiters’ day – la Giornata nazionale del cameriere – si è tenuta la scorsa settimana a Londra. L’evento, volto a celebrare tutte le persone che lavorano nella sale ristorante del Regno Unito, prevede una gara all’interno di Hyde Park, che i camerieri partecipanti devono completare correndo con un vassoio in mano con sopra una bottiglia d’acqua e un bicchiere da tenere in equilibrio.

Il National waiters’ day è nato da un’idea da Fred Siriex, maître d’hôtel francese e personaggio televisivo, che ha voluto creare una giornata per promuovere la figura del cameriere e invogliare le giovani leve a considerare una carriera nella “hospitality industry”.

Ho scambiato quattro chiacchiere con Antonino Forte, l’italiano vincitore della prima edizione, che è anche Assistant restaurant manager del prestigioso Galvin at Windows, ristorante stellato situato al 28° piano dell’Hilton Hotel di Park Lane a Londra. Gli italiani nel settore della ristorazione ed accoglienza, specialmente nella capitale, sono tantissimi e includono anche grandi nomi come il Maestro del tè del Ritz Giandomenico Scanu, che iniziò la sua carriera come aiuto cameriere.

Per Forte vincere la gara è stato inaspettato, ma lo ha reso molto contento e soddisfatto perché “questa giornata ha dato un valore e mi ha reso ambasciatore di questa professione, sotto un certo punto di vista. E anche le giovani leve hanno potuto prendere un esempio di come poter crescere nel settore dell’hospitality“. Dopo la vittoria è stato anche invitato a comparire in televisione con con Gino D’Acampo – famoso chef televisivo nel Regno Unito – e la sua foto è stata in Hyde Park per un anno.

La carriera di Antonino ha radici profonde. Tutto è iniziato quando aveva 12-13 anni e andava con i suoi ai matrimoni al ristorante: “Ero un po’ affascinato dalla figure del maître d’hôtel, dal savoir faire, dal modo in cui accoglieva gli ospiti”. Passando poi per l’alberghiero, corsi come assaggiatore di formaggio e olio, un corso da sommelier, diversi master sulle acquaviti, arrivano i primi riconoscimenti come la vittoria nella competizione con la Mira, (Associazione maître italiani ristoranti e alberghi) come migliore maître e sommelier d’Italia.

Nonostante tutto, però, mi confessa che vincere un campionato nazionale in Italia non gli dato lo stesso successo che vincere un riconoscimento nel Regno Unito: “Due pesi, due misure totalmente diverse per il rispetto di questo lavoro. Ma oggi sono qua, sono al 28° piano e, dopo quasi 7 anni che sono a Londra, sono alla guida di questo ristorante, quindi per me è una grandissima soddisfazione“.

In merito ai tanti italiani che lavorano nel settore nella Capitale inglese, Antonino mi confida che li vede tutti molto uniti tra loro: “Anche persone che sono arrivate qui al Galvin. Ci aiutiamo tutti e questo ci rende molto più forti, alla fine è forse proprio quello ci consente di arrivare a dei grandi risultati che ci fanno conoscere in tutto il mondo. Quindi viva l’Italia!”.

Nonostante riconosca che trasferirsi a lavorare a Londra nel mondo della ristorazione sia molto difficile e significhi mettersi in gioco in una delle vibranti e multiculturali capitali europee, ai ragazzi consiglia comunque l’esperienza, “ma devono considerare tanti sacrifici all’inizio e bisogna rifare un po’ la gavetta. La voglia di mettersi in discussione è fondamentale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Barista in Thailandia. “La sfortuna mi ha dato il coraggio di partire. Qui pieno di riminesi: mi sembra di essere a casa”

prev
Articolo Successivo

Maestra d’asilo in Germania: “All’inizio tanta solitudine. Ma ho tenuto duro e scoperto un mondo bellissimo”

next