Si sono riuniti in una sorta di assemblea organizzata dal sindacato Usb i migranti della tendopoli di San Ferdinando quello avvenuto a San Calogero, in provincia di Vibo Valentia, dove un bracciante agricolo del Mali Sacko Soumayla è stato ucciso con un colpo di fucile alla testa. Altri due migranti, invece, sono stati feriti. Ci sono stati alcuni momenti di tensione tra i migranti e le forze dell’ordine che li stanno scortando in una sorta di corteo che dalla tendopoli punta al Comune di San Ferdinando. “Salvini razzista” e “non siamo animali” urlano i migranti con in mano la foto del connazionale ucciso mentre cercava delle lamiere di alluminio per costruire una baracca nel ghetto a ridosso del porto di Gioia Tauro.

“A Salvini vogliamo dire che la pacchia è finita per lui, perché per noi la pacchia non è mai esistita; per noi esiste il lavoro. Sappiamo che in Calabria esiste gente che ricorda il proprio passato di migrante. Noi siamo lavoratori, italiani, africani, bianchi, neri e gialli. Abbiamo lo stesso sangue e vogliamo gli stessi diritti” ha detto Ababacur Sauomaoure dell’esecutivo nazionale Usb .”Dedichiamo questa giornata – ha aggiunto Sauomaoure – a Soumaila Sacko. È stata una giornata di sciopero alla quale hanno aderito anche i lavoratori del foggiano. Soumaila era un cittadino, un bracciante, aveva una figlia di 5 anni. Era impegnato nella lotta allo sfruttamento e lavorava per un salario di tre euro l’ora al giorno. Era un uomo, un lavoratore, un sindacalista. È stato assassinato”.

Intanto proseguono le indagini dei carabinieri della Compagnia di Tropea per risalire all’autore dell’omicidio. I militari sin dalla notte tra sabato e domenica stanno eseguendo perquisizioni in tutta l’area alla ricerca della Fiat Panda bianca vecchio modello, a bordo della quale – secondo il racconto dei due feriti – è giunto l’uomo, di carnagione chiara che ha sparato quattro colpi di fucile caricato a pallettoni contro i tre migranti. Gli investigatori, coordinati dalla Procura della Repubblica, avrebbero imboccato una pista precisa per individuare l’autore. I carabinieri hanno anche sentito alcune persone. Dopo essere stati feriti lievemente dai colpi, i due sopravvissuti hanno dato l’allarme, ma non avendo telefoni cellulari sono tornati a piedi a Rosarno (Reggio Calabria), distante una decina di chilometri da San Calogero, dove si sono recati dai carabinieri. I militari si sono recati quindi sul posto facendo intervenire il 118 che ha soccorso Sacko portandolo nell’ospedale di Reggio Calabria dove però è morto per una ferita alla testa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brindisi, incidente durante la processione del Corpus domini: l’arcivescovo scivola dalla sella e cade da cavallo

next
Articolo Successivo

Roma, ubriaco in strada aggredisce una donna poi minaccia Giulia Bongiorno: ministra ferma una pattuglia

next