Prima un appello all’unità del centrosinistra, ora un ritorno alle elezioni a fine luglio. Nel Pd sta crescendo il fronte di chi pensa che a questo punto sia meglio andare alle elezioni il prima possibile entro agosto. In questo senso si sono espressi pubblicamente Andrea Orlando, ministro uscente della Giustizia, e Lorenzo Guerini, portavoce della segreteria dem. Ma sarebbero molti gli esponenti dem a favore. Una riflessione è in corso e probabilmente se ne discuterà nella direzione che si svolgerà prima del voto di fiducia al governo Cottarelli.  Il voto a luglio “si può fare se c’è l’accordo tra i partiti. Evidentemente dopo la fiducia deve esserci lo scioglimento delle Camere” dice il capogruppo Pd al Senato Andrea Marcucci, interpellato in transatlantico a Palazzo Madama. Per gli italiani all’estero “il governo può fare un decreto”, aggiunge a chi lo interpella. “Se il governo Cottarelli non avrà la fiducia sarebbe utile andare alle elezioni il prima possibile, anche a luglio, se ci fosse una condivisione la più ampia possibile delle forze politiche. Il momento è preoccupante quindi serve responsabilità per dare subito stabilità al Paese, ma ho visto in queste ore molta irresponsabilità”.

Votare il 29 luglio o anche il 22 sembra l’estrema ratio per fermare le speculazioni dei mercati e riportare lo spread a un indice “sopportabile”. Anche perché sembra impossibile che il governo Cottarelli possa partire e ricevere la fiducia del Parlamento. Uno dei vincoli è però quello dei 60 giorni (ormai superato) per far permettere il voto anche agli italiani all’estero. L’ipotesi sarebbe quella di far votare in Italia prima e all’estero dopo, rispettando i tempi tecnici minimi dei 45 giorni, ma anche quella di un decreto. Una ipotesi che porterebbe un governo (forse) pronto a fare la legge di bilancio entro il 15 ottobre. In alternativa, viene spiegato, con il voto il 16 settembre si arriverebbe alla scadenza con un governo ancora da formare. Calendario alla mano la prima seduta del Parlamento potrebbe essere convocata il 5 ottobre, con l’elezione dei Presidenti intorno all’8, con il capo dello Stato che non avrebbe iniziato neanche le consultazioni. In questo modo l’esercizio provvisorio scatterebbe immediatamente, spiega alcuni parlamentari, “paralizzando il Paese”. L’alternativa sarebbe quella del 19 agosto, con scioglimento delle Camera entro il 19 luglio, rispettando i tempi previsti per legge. Ovviamente questa data si andrebbe a scontrare con lo spettro dell’astensionismo e soprattutto con le incognite di una campagna in piena estate.

Per me va bene prima possibile“. Risponde così il capo politico del M5S, Luigi Di Maio, ai cronisti lasciando la Camera, ai cronisti che gli chiedevano se per i pentastellati vada bene votare anche a fine luglio. “Quello che dice il Pd non lo ascolto per tutela della mia salute. A questo punto vediamo cosa accade. Il pallino ce l’ha il presidente della Repubblica” risponde Paola Taverna, vicepresidente M5s del Senato, a chi la interpella in transatlantico sulla ipotesi del voto prima di agosto. “Il M5s non molla, non illudetevi. Anzi, ci state rafforzando ogni giorno di più. Dobbiamo tornare al voto, dobbiamo farlo il prima possibile. E dobbiamo finalmente, dopo quello che è accaduto, segnare il riscatto di milioni e milioni di italiani” aveva detto poco prima Danilo Toninelli, capogruppo M5s al Senato, parlando in Aula. “L’Italia merita rispetto, il popolo italiano merita rispetto. E merita di poter incidere perché lo prevede la Costituzione, sul processo politico, esercitando il suo diritto di voto”.

Anche dal Carroccio è d’accordo ad andare alle urne: “Siamo pronti a votare subito e vi manderemo ancora una volta a casa. Votiamo subito Marcucci e confrontiamoci e scontriamoci. Diventerete come i panda” dice Così il capogruppo dei senatori della Lega Gian Marco Centinaio, replicando in aula al capogruppo Pd Andrea Marcucci a palazzo Madama.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio e il caso dei nomi alternativi a Savona proposti al Quirinale: il Colle smentisce e la Lega non ne sa nulla

prev
Articolo Successivo

Governo, Salvini: “Oettinger? Dovrebbe dimettersi. Traditore chi difende questa Europa”

next