Non una di meno contro il reddito di cittadinanza. “Il reddito di autodeterminazione che Non Una Di Meno ha proposto nel Piano femminista contro la violenza di genere è una misura universale rivolta agli individui e non al nucleo familiare, che è il luogo dove spesso avviene la violenza”, spiega Marina del movimento di Non Una di Meno nel corso della manifestazione in occasione dei 40 anni della legge 194 a Roma. “Deve garantire l’autonomia delle donne e di tutti. La pensiamo come una misura incondizionata e non condizionata come il reddito di cittadinanza dei 5 stelle”. Deve essere “uno strumento di liberazione per rifiutare lo sfruttamento. Il reddito che propongono i 5 stelle diventa un modo per assumere manodopera a basso costo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa del Fatto Quotidiano, Michela Murgia con Bianca Berlinguer e Silvia Truzzi: “La stampa è femmina?”. Rivedi l’evento

next
Articolo Successivo

40 anni di 194, Severin nata donna e trans non binaria contro gli obiettori: “Anche il mio utero lo gestisco io”

next