Aveva accettato un passaggio in scooter da un ragazzino per andare a una festa. Ma era tutta una trappola. Una 12enne residente a Gragnano, nel napoletano, è stata portata in campagna dove ad aspettarla c’erano altri tre minorenni (tutti di età compresa fra i 14 e i 16 anni). Che l’hanno violentata più volte e – a quanto si apprende – hanno ripreso gli abusi sessuali con uno smartphone. Gli inquirenti non hanno confermato di aver identificato tutti e quattro gli adolescenti accusati delle violenze, ma sono in corso verifiche sui computer e i telefonini di alcuni degli indiziati, per verificare se esistano foto, video o scambi di messaggi che possano testimoniare l’accaduto.

L’episodio è avvenuto a Castellammare di Stabia lo scorso aprile. Dai pochi elementi filtrati dalle indagini – tenute sotto il massimo riserbo – si sa che la 12enne ha deciso di denunciare gli abusi dopo un mese di silenzio perché convinta da insegnanti e genitori. E la sua testimonianza è stata fondamentale per il lavoro degli inquirenti, che stanno indagando per il reato di violenza sessuale. In un primo momento sembrava anche che la ragazzina fosse rimasta incinta a seguito dello stupro, ma il legale della famiglia ha chiarito che non è così.

Sul caso è intervenuto anche il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che dice: “Voglio esprimere la mia piena solidarietà alla famiglia della ragazzina minorenne vittima di violenza. Un episodio drammatico per lei e per i suoi cari che hanno denunciato l’accaduto e che in alcun modo vanno lasciati soli in questo momento così difficile e delicato. Mi auguro che la comunità locale sappia essere vicina a tutti loro e non li isoli, come purtroppo spesso è accaduto in questi casi. Bisogna fare luce su questa vicenda e intervenire con fermezza evitando di definire gli stupri delle ‘bambinate’ come fece in passato il sindaco di Pimonte facendo passare l’idea che violenze come queste sono solo ragazzate a cui non dare troppo peso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rieti, l’ispezione di Anas e M5s nella galleria della Valnerina: inaugurata 4 anni fa è chiusa da mesi per “problemi strutturali”

next
Articolo Successivo

Bari, processi nelle tende dopo sgombero del palazzo di Giustizia per rischio crollo. “Vicenda squallida. E il ministero sapeva”

next