“Fino a quando rimani nella mediocrità non dai fastidio a nessuno ma quando inizi a prenderti il podio, i 3 posti che vogliono tutti, ti crei delle antipatie”. Massimiliano Sechi, uno dei più grandi campioni al mondo dei Gec, i Giochi elettronici competitivi – nuovo settore delle Associazioni sportive e sociali italiane, in cui gli atleti sono giocatori di videogiochi riconosciuti come tutti gli atleti sportivi – si racconta partendo dalla sua prima sfida, quella contro la focomelìa che da quando è nato lo costringe su una sedia a rotelle. Sardo doc, Massimiliano ha ricostruito la sua vita partendo dalla sua disabilità, riuscendo a dimostrare che senza mani e senza braccia si può vincere e diventare un esempio per tutti: “Avevo passato la mia vita dimostrando agli altri di essere normale ma allo stesso tempo non lo avevo mai accettato, ma grazie a chi mi criticava ho imparato a farlo e questo mi ha permesso di capire un mondo che metto a disposizione delle persone per le quali lavoro”. Oggi Massimiliano gira l’Italia tenendo corsi motivazionali presso molte aziende e, sulla sua pagina Facebook, conta più di 200mila seguaci. Veri e propri fan che in lui trovano sostegno e forza. “No excuses, nella vita non ci sono sfide impossibili”, parola di Max.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, al centro di via Corelli di Milano l’inclusione passa per la musica. L’assessore: “Non fermiamoci qui”

next
Articolo Successivo

Contratto di governo Lega-M5s, manca un’adeguata tutela delle donne

next