Un grosso albero di tiglio è caduto su un pullman turistico a Firenze, sul lungarno del Tempio. Quattordici i feriti, di cui uno portato in codice rosso all’ospedale di Santa Maria Annunziata per un trauma cranico. L’incidente, come ricostruito dagli inquirenti, è avvenuto intorno alle 16 mentre il mezzo era fermo a un semaforo rosso. Oltre ai 12 passeggeri, appartenenti a una comitiva di coreani in visita in città, sono rimasti feriti anche l’autista e una donna di nazionalità marocchina che era alla guida di un auto poco distante.

“Stiamo facendo le verifiche con i tecnici: il tiglio in questione era stato controllato nel 2016“, ha dichiarato l’assessore comunale all’ambiente Alessia Bettini. “Era etichettato in classe C (‘moderata propensione al cedimento’ secondo la classificazione tecnica), ma non presentava particolari criticità. Doveva comunque essere ricontrollato”. Bettini ha poi aggiunto che saranno effettuati dei controlli sull’albero per capire la dinamica dell’incidente: “Dobbiamo andare avanti con le opere di sostituzione delle piante. Devo dire che i tigli a differenza di altre specie di alberi avevano meno problemi, ma purtroppo non è tutto prevedibile”, ha concluso.

I feriti hanno un’età compresa fra i 25 e i 63 anni. Secondo quanto si apprende, le condizioni dell’uomo trasportato in ospedale in codice rosso non sono gravi: quando è stato soccorso era cosciente e in grado di camminare. Stanno meglio anche gli altri feriti, che hanno riportato lievi contusioni, e una donna di 26 anni arrivata in pronto soccorso in codice giallo. Nel frattempo è stato riaperto al traffico il lungarno del Tempio dove si è verificato il crollo. I turisti illesi, inoltre, proseguiranno il loro viaggio verso Fiuggi con un altro pullman.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Casa delle donne: “Mozione di chiusura? Non ha senso”. “Raggi vieni, questo posto è anche tuo”

prev
Articolo Successivo

Roma, protesta in Campidoglio contro la chiusura della Casa delle Donne. Assessore: “Progetto datato, va rilanciato”

next