Diciamolo chiaramente: la cancellazione di 250 miliardi di euro di titoli di Stato detenuti dalla Bce è una proposta che rivela uno schema tattico – non strategico – talmente irrituale da poter avere un solo obiettivo recondito (ammesso che lo abbia) se davvero farà parte della bozza di programma M5s-Lega.

Saltiamo subito i dettagli tecnici e andiamo al sodo. Non ha alcuna credibilità una forza politica – e con lei gli uomini che aspirano a governare la quinta nazione in Europa per pil e uno dei debiti pubblici più alti del mondo – se, da una parte Luigi Di Maio e dall’altra Matteo Salvini, si pongono in termini di guerra all’Europa (ponendo sul tavolo un’eventuale uscita dall’euro e volendo ridiscutere i Trattati) ma poi, allo stesso tempo, chiedono al “pilastro” principale della Ue, la Banca centrale europea guidata da Mario Draghi, un provvedimento come “la cancellazione” o “sterilizzazione” di 250 miliardi di debito, ovvero oltre l’11% del debito pubblico italiano, un mastodonte che ammonta a 2.300 miliardi.

Non esiste: dilettanti allo sbaraglio. Il tema della ristrutturazione del debito italiano richiede ben altre cautele e obbliga all’impiego di vere e qualificate teste pensanti.

Per cominciare, i trattati internazionali e i regolamenti della Bce, per quanto l’Istituto di Francoforte sia il braccio armato delle banche commerciali delle singole nazioni europee, non possono essere modificati o stravolti con proposte o dichiarazioni “lunatiche” o strampalate. A parte il fatto che i trattati Ue vietano alla Bce qualsiasi forma di finanziamento degli Stati membri – e la cancellazione del credito ricade direttamente in questa categoria – certi meccanismi si cambiano solo tramite percorsi complicati che prevedono lunghi negoziati con i partner del club di cui si fa parte, riunioni, commissioni, studi e ricerche, e poi eventualmente, dopo mesi se non anni di discussione, un voto degli organismi preposti, senza contare che il provvedimento per passare deve essere votato all’unanimità. Oppure consigliamo a Di Maio e Salvini una strada di sicuro rapida ed efficace che taglierebbe la testa al toro: il default disordinato, Roma come Buenos Aires nel 2001.

Una proposta e un progetto “irricevibili” quindi, come si dice in politica quando la politica sa volare alto.

L’assurdità della proposta è tale che deve per forza avere un falso scopo (false flag): provocare il chiaro e, si suppone, sdegnato rigetto da parte del ricevente, secondo il dettame della Costituzione, ovvero il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e di conseguenza il suo diniego di incarico per la premiership, e quindi l’aborto del nuovo governo.

Non interessa qui sostenere che la richiesta di M5S e Lega sia frutto o meno delle menti annebbiate di economisti leghisti o pentastellati – illustri sconosciuti a livello internazionale – che non capiscono un’H di economia e di politica monetaria; o “di una interpretazione errata dei rapporti tra la Bce e i singoli governi; o del fatto che tecnicamente è impossibile che una banca centrale “rinunci” ai crediti; o che le banche centrali di tutti i paesi Ue in totale hanno un patrimonio consolidato di 102 miliardi di euro (rispetto alla soglia di 250 di cui qui si parla); oppure che si voglia scaricarne il peso sulle banche, e soprattutto quelle italiane (la quasi totalità del nostro debito pubblico acquistato dalla Bce è nel portafoglio della Banca d’Italia)”.

No, il punto è che il rigetto della proposta – la cancellazione di 250 miliardi di euro di titoli di Stato detenuti dalla Bce – vale in quanto offre un alibi certo al nascituro (ma è destinato a nascere?) governo giallo-verde di Salvini e Di Maio, i quali, di fronte al rigetto, potrebbero dire ai propri elettori: “Non ce l’hanno fatto fare, l’idea era buona ma le lobby europee e i poteri forti bancari comandano come e più di prima, sono tutti servi dell’Europa”. Insomma: una proposta come molte altre, da campagna elettorale, pensando alle prossime elezioni, ma impossibile da realizzare in concreto al governo. Evocando nel frattempo il Cigno nero della bancarotta e del default internazionale. Allacciatevi le cinture di sicurezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flat tax M5s-Lega, alla classe media non serve. La metà dei risparmi va ai ricchi

next
Articolo Successivo

Divario Nord-Sud, nessun governo autorevole può evitare di affrontarlo

next