Governo M5s-Lega? Noi del Pd faremo opposizione responsabile e costruiremo un’alternativa riformista. Dobbiamo partire dal riscatto sociale. Molti elettori che hanno votato negli anni la sinistra hanno preferito Lega e M5s, perché richiamati dall’invidia sociale, non dal riscatto sociale”. Sono le parole del sindaco Pd di Pesaro, Matteo Ricci, ospite di Coffee Break (La7). Rispondendo a una domanda del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Fabrizio d’Esposito, il politico dem puntualizza: “Il Pd deve diventare sempre più il partito del riscatto sociale e quindi dovremo riflettere a lungo sulle ragioni della nostra sconfitta elettorale e sulla nuova identità che dobbiamo dare al nuovo centrosinistra, all’alternativa riformista”. Ricci si esprime anche sull’accordo M5s-Lega: “Sarà indubbiamente un governo di destra e dei populisti italiani. Del resto, il tratto culturale di questi due partiti è simile, cioè è populista. Ovviamente siamo preoccupati per l’Italia. Lega e M5s hanno fatto perdere due mesi al Paese per provare a rifare la stessa operazione che hanno fatto sulle nomine dei presidenti di Camera e Senato. Un’operazione dove Berlusconi c’è e non c’è. Vedremo se sono in grado di passare dalle urla e dalle proteste alla risoluzione dei problemi”. E aggiunge: “Da parte del M5s non c’è mai stato un vero tentativo di fare un governo col Pd, ma c’era il tentativo di dividerci e ci erano quasi riusciti. Ma per fortuna abbiamo mantenuto una grande compattezza e una grande unità. Io vorrei capire quale sarà la loro politica europea. Sarà filo-russa? Riproporrà l’uscita dall’euro? Diventeremo come l’Ungheria o un Paese che sta al tavolo con la Francia e la Germania?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cacciari: “Salvini e Di Maio? Chi governa perde. Anche loro dovranno assaggiare questa minestra”

prev
Articolo Successivo

Governo, Meli: “Renzi brinda per accordo M5s-Lega? Ovvio, non vedeva l’ora”. Battibecco con Vauro e Becchi

next