Elezioni anticipate in estate? Danno i brividi a tutti, perché sarebbero la consegna della vittoria al M5s per un semplice motivo purtroppo: al Sud non si possono permettere di andare in vacanza e lì quindi vincerebbero i 5 Stelle“. Così a L’Aria che Tira (La7) la deputata di Forza Italia, Michaela Biancofiore, commenta la possibilità del voto anticipato a luglio. E bacchetta il leader della Lega, Matteo Salvini: “Non capisco proprio perché vuole tornare al voto in estate. Al Sud vincerebbe il M5S e noi andremmo sotto il 50%, quindi sarebbe il baratro assoluto per la democrazia”. Poi difende strenuamente l’ex Cavaliere: “Non capisco perché si debba chiedere sempre un passo indietro a Berlusconi, che con Salvini è il vincitore di queste elezioni, e non si possa chiedere invece un passo avanti e di coscienza a chi queste elezioni non le ha vinte e pretende di averle vinte e di dettare l’agenda del governo. Sto parlando di Luigi Di Maio. La mia proposta è questa, banché io non sia molto ascoltata anche nel mio partito ma penso di avere sempre ragione” – continua – “Io credo che Berlusconi possa chiedere a Di Maio di fare un passo avanti. E cioè che ci possa essere una personalità espressa dal M5S che faccia il candidato premier con tutto il centrodestra unito. E allora facciamola finita. Facciamo questa proposta che sicuramente Berlusconi, per come lo conosco io nell’animo, è disponibile ad accettare”. Poi accusa il presidente della Repubblica: “Anche il Quirinale ha le sue colpe, perché ha firmato la legge elettorale che era profondamente incostituzionale”. Insorge la deputata Pd, Alessia Rotta: “Ma veramente l’ha firmata anche Forza Italia“. Biancofiore continua e chiosa citando ancora Berlusconi, con una nuova stoccata a Salvini: “In questo periodo è stato immeritatamente l’uomo più insultato. E da parte degli alleati non si è alzata una voce in sua difesa. Questo è indegno”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Marattin: “Dialogo col M5s? Ma che gente è questa? Cosa dovevamo fare con loro?”. E attacca LeU

prev
Articolo Successivo

Governo, Di Maio: “Partiti se ne fregano degli italiani, dopo i rigori siamo ancora a 0-0. Si deve tornare a votare”

next