Il cibo è un’ossessione del nostro tempo. È piacere, business, moda, show. Ma anche ossessione salutista, sfruttamento dei lavoratori, truffe alimentari. Fq MillenniuM, il mensile diretto da Peter Gomez, nel numero in edicola da sabato 5 maggio racconta tutti questi aspetti, attraverso inchieste, approfondimenti, interviste, raccolte sotto il titolo “Che cosa vi siete mangiati?”.

Il numero si apre con un’inchiesta sugli alimenti biologici in Italia, fra controlli insufficienti, truffe e un decreto del governo che di fatto legalizza il conflitto d’interesse tra i produttori e chi dovrebbe certificare i requisiti del loro prodotto. Se il bio ha i suoi problemi, il convenzionale desta scandalo. Un giornalista e un fotografo del mensile sono entrati nottetempo, insieme agli attivisti di Essere animali, in un allevamento di maiali e in uno di polli della Bassa Padana, trovando animali accalcati uno sull’altro, privati a vita della luce del sole, di fatto torturati prima di definire sulle nostre tavole. Un altro reportage racconta al contrario la vera agricoltura naturale, grazie a un cronista che per qualche giorno ha preso in mano la zappa nella cooperativa piemontese Valli Unite, punta di diamante del vero bio nel nostro Paese. Nella filiera che è l’orgoglio del Made in Italy, però, spesso sono le mafie a fare il prezzo di quello che mangiamo, come dimostra un’inchiesta dal mercato ortofrutticolo di Vittoria (Ragusa) e conferma un’intervista a Gian Carlo Caselli, già procuratore a Palermo e a Torino e oggi presidente dell’Osservatorio Agromafie. E se il caporalato e lo sfruttamento sono documentati da decine di inchieste giornalistiche e giudiziarie dal Nord al Sud, FqMillenniuM ci fa conoscere l’altra faccia della “piana del kiwi” in provincia di Latina: per non morire di fatica, i braccianti sikh muoiono di droga, in particolare eroina, e tirano avanti masticando oppio di pessima qualità, finendo in cura a decine nel locale Sert.

Il cibo è anche un’ossessione. Cerchiamo alimenti sani, naturali, che “fanno dimagrire”, e tentiamo di resistere alla tentazione di quello che ci piace, ma “fa male”, come il fritto, i grassi, i dolci. Ma le cose stanno in modo molto diverso da come pensiamo, spiega il nutrizionista Marcello Ticca, specializzato nello smascherare le bufale alimentari, in una lunga intervista. E sul profluvio di chef e programmi di cucina si abbattono gli strali del comico Gene Gnocchi, che sul mensile firma un esilarante articolo, “Mastertoast”. Intanto il rosso si tinge di rosa: un altro articolo di FqMillenniuM racconta “le signore del vino” che si fanno strada fra le vigne, territorio tradizionalmente maschile. Spaziando su altri argomenti, Fq MillenniuM propone un’intervista al fumettista IgorT, prossimo direttore di Linus, un reportage fra i cercatori d’oro del Venezuela allo stremo, un’intervista al grande designer Mario Bellini. E il resoconto di sei mesi di vita reale in camper, tra libertà, disagi e imprevedibili contrattempi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti Roma, gara per lo smaltimento va deserta e il presidente Ama scrive all’Anac. M5s: “Qualcuno fa cartello”

next
Articolo Successivo

Bergamo, nelle carte il racconto del bullismo: “Faccia gialla”, “ritardato”. Poi la violenza e l’arresto dei due 16enni

next