/

Game over per Cambridge Analytica. “Noi oggetto di accuse infondate”

di | 2 maggio 2018
Game over per Cambridge Analytica. “Noi oggetto di accuse infondate”

La società ha avviato le procedure di insolvenza in Gran Bretagna. Finisce così lo scandalo che stava per affondare la creatura di Mark Zuckerberg. Che anzi pensa a rilanciarsi con un "Dating", una sezione del social dedicata a far incontrare i cuori solitari

Game over per Cambridge Analytica. La società, che ha lavorato per il presidente Donald Trump durante la campagna elettorale del 2016finita nella bufera per il furto di oltre 80 milioni di profili di elettori americani da Facebook, cessa immediatamente tutte le operazioni. “Negli ultimi mesi Cambridge Analytica è stata oggetto di numerose accuse infondate e, nonostante gli sforzi della società di correggere le informazioni, è stata denigrata per attività che – si legge in una nota – non solo sono legali ma sono ampiamente accettate come componente base della pubblicità online sia in campo politico che commerciale”. La società ha avviato le procedure di insolvenza in Gran Bretagna. Finisce così lo scandalo che stava per affondare la creatura di Mark Zuckerberg. Che anzi pensa a rilanciarsi con un “Dating”, una sezione del social dedicata a far incontrare i cuori solitari.

Cambridge Analytica, nata nel 2013, come una propaggine del Scl Group, ha reso noto anche di aver avviato le procedure per dichiarare bancarotta negli Stati Uniti. “Nonostante la salda fiducia di Cambridge Analytica nel fatto che i suoi dipendenti abbiano agito in modo etico e legale – conclude – l’assedio dei media ha fatto fuggire praticamente tutti i nostri clienti e fornitori. Come risultato è stato deciso che non è più possibile continuare a gestire il nostro business”.

Lo scorso marzo era stato sospeso il ceo di Cambridge Analytica, Alexander Nix, dopo che Channel 4 aveva mandato in onda una registrazione segreta in cui si vantava di aver fatto vincere le elezioni a Donald Trump. “Abbiamo fatto tutte le ricerche, tutta la raccolta dati, le analisi e il targeting – disse pensando di parlare ad un potenziale cliente e non ad un giornalista dell’emittente britannica – abbiamo gestito la campagna digitale, quella televisiva e tutti i dati usati per la strategia”. Nix era stato catturato dalle telecamere mentre si lasciava andare a commenti sulle tattiche seguite in campagna elettorale per far vincere i clienti della società, in qualunque parte del mondo essi si trovassero: tattiche che includevano prostitute, ex spie, mazzette e fake news. E del miliardario diventato inquilino della Casa Binaca aveva detto: “L’ho incontrato tante volte. Lo abbiamo fatto vincere noi” vantandosi del ‘lavoro sporco’ fatto dalla sua società per aiutare il tycoon a trionfare nelle urne delle presidenziali americane.

Zuckerberg invece, messo sul banco degli imputati, si era preso tutta la responsabilità facendo mea culpa e dicendosi sicuro che si voglia ancora sfruttare la piattaforma da lui creata per influenzare le elezioni. Riferendosi al voto di midterm in programma a novembre, il fondatore del social network aveva detto: “Sono certo che c’è una seconda edizione di tutto quello che è stato lo sforzo della Russia nel 2016, ci stanno lavorando”. “Ci sono nuove tattiche che dobbiamo essere sicuri di individuare e fronteggiare”,  aveva spiegato nel corso di una intervista alla Cnn rilasciata poche ore dopo un lungo post con il quale aveva tentato di arginare il caso di Cambridge Analytica, che per diversi giorni ha affondato il titolo del più popolare social network in Borsa e ha fatto partire la prima class action negli Usa.

Anche la Federal Trade Commission (Ftc), un’agenzia governativa americana per la protezione dei consumatori e la concorrenza, ha aperto un’indagine. Il social network era accusato di aver lasciato che la società Cambridge Analytica utilizzasse i dati di decine di milioni di utenti a loro insaputa e ora l’inchiesta della Ftc punta ad accertare che Facebook abbia rispettato i suoi impegni nel chiedere il consenso prima di raccogliere i loro dati e condividerli con altre società. “Abbiamo fatto degli errori, c’è ancora molto da fare”, aveva scritto Zuckerberg sulla sua pagina personale del social media. “Abbiamo la responsabilità di proteggere i vostri dati, e se non riusciamo a farlo non meritiamo di essere al vostro servizio”, ha aggiunto il fondatore del social network, spiegando che sta lavorando “per capire esattamente cosa è successo e assicurarsi che non accada mai più“. “La buona notizia – aggiungeva – è che molte misure per prevenire tutto questo sono state già prese anni fa”. E che Cambrige Analytica chiude i battenti e i server.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Il “Titanic” di Parsi: “Andiamo verso un iceberg, ma l’Ue può salvarci se smette di precarizzare il lavoro e ridurre i diritti”

»
Articolo Successivo

Cina, per i media vicini al Partito comunista Peppa Pig è “sovversiva”: cancellati dal web 30mila video

«
Articolo Precedente

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Cina, per i media vicini al Partito comunista Peppa Pig è “sovversiva”: cancellati dal web 30mila video
Il “Titanic” di Parsi: “Andiamo verso un iceberg, ma l’Ue può salvarci se smette di precarizzare il lavoro e ridurre i diritti”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×