“Io sarei favorevole”. “No, io sarei contraria, è la festa dei lavoratori e non si dovrebbe lavorare”. Primo maggio, negozi aperti o chiusi? La questione mette in disaccordo persino moglie e marito. “Uno che ha una famiglia non può sempre lavorare”, insiste la signora milanese. E dello stesso pensiero è anche Alessia, commessa di un negozio del centro: “Ben venga avere un lavoro ma penso che per alcune festività come il Natale, la Pasqua e il 1 maggio, sarebbe meglio poter non lavorare, stare con i propri cari”. Cosa ne pensano i milanesi? Nelle vie del centro dove le saracinesche non rimangono abbassate, i passanti si dividono tra favorevoli e contrari. I più approfittano volentieri dello shopping straordinario, ammettendo però che oggi – anche se costretti – non avrebbero mai lavorato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primo maggio, a Torino la prima volta dei rider Foodora. E davanti a Eataly scatta la protesta: “Sfruttamento”

prev
Articolo Successivo

Primo Maggio Taranto, Riondino: “Non è città dell’acciaio”. I Modena: “Testimonial del concerto di Roma, abbiamo deciso di venire qui” 

next