Ha finito il suo quarto e ultimo viaggio e ora mette su famiglia in una piccola comunità autogestita in una foresta della contea di Gävleborg a 30 chilometri da Hudiskvall, in Svezia. Il tutto mentre nel frattempo due dei suoi libri continuano ad essere tra i primi 5 più venduti su Amazon. Così Carlo Taglia, uno dei viaggiatori più social degli ultimi anni con oltre 200 mila followers su Facebook mette lo zaino nell’armadio e cambia vita. “Non ho più la stessa sete di quando ha iniziato – racconta – ora sono appagato e realizzato, e mi sento pronto a qualcosa di diverso. Vorrei dedicarmi ad una famiglia”. Insomma è innamorato.

Torinese, classe 1985, Taglia è divenuto famoso per avere fatto il giro del mondo senza mai prendere l’aereo. Andava sulle sue gambe, in autobus, su mercantili ma viaggiava sempre “con i piedi per terra”. Era il 2011, e questa sua esperienza divenne Vagamondo, il libro più venduto dell’anno su Amazon e ancora oggi tra i più richiesti, anche all’estero. Da allora sono passati altri due viaggi, uno nel Centro America e l’altro in India, e altrettanti libri. Un successo dietro l’altro. E università, televisioni e case editrici lo rincorrono. Ma lui, fedele ai suoi ideali di libertà e autonomia rifiuta sempre, perché, spiega, “viaggiare per me è una terapia. Non cerco il successo”.

Ho capito che dovevo lasciare tutto e ritrovare me stesso. Per questo ho iniziato a viaggiare. E mi ha aiutato

Fin da giovane ha avuto problemi con le droghe e alcool. Dipendenze che ha superato solo mettendosi in cammino. “Ho capito – spiega – che dovevo lasciare tutto e ritrovare me stesso. Per questo ho iniziato a viaggiare. E mi ha aiutato. Ora scrivo libri anche per aiutare i molti ragazzi che sono in quel tunnel”. Il primo viaggio lo fa a soli vent’anni quando si trasferisce in Spagna per lavorare come pizzaiolo. Poi va in Pakistan e in Australia, finché sua mamma non si ammala e torna a Torino per assisterla. Si fidanza, trova un lavoro. Ma dopo la morte della madre capisce che quella vita gli va stretta. Riparte.

Era il 2011 e stava per iniziare il suo primo viaggio intorno al mondo. Da allora non si è più fermato. Finché non ha conosciuto Christina, giovane svedese di 28 anni che abita in una piccola comunità agricola. Qui Carlo ci è arrivato per caso, dando un passaggio ad un amico che gli propone di fermarsi lì una notte. Con Christina è subito colpo di fulmine. Decide di trasferirsi lì a vivere con lei, ma prima vuole portare a termine il suo ultimo progetto: attraversare l’Africa. “All’inizio – racconta – volevo partire da Cape Town e arrivare in Egitto. Ma poi il sogno si è allargato e ho deciso di concludere questa esperienza nel Nord dell’Europa“.

I momenti più duri del viaggio sono stati in Sudafrica. Qui i bianchi sono la minoranza e ho subito atti di razzismo

Così lo scorso 4 ottobre riparte: 36mila i chilometri da percorrere. “I momenti più duri del viaggio sono stati in Sudafrica. Qui i bianchi sono la minoranza e ho subito atti di razzismo. Una volta in una stazione del minibus mi hanno puntato una pistola in faccia”. In Etiopia invece si è avventurato nelle aree tribali “dove ho incontrato persone aggressive e subìto alcuni tentativi di rapina. Ma per fortuna me la sono cavata bene”. E caso vuole che sia arrivato in Zimbabwe proprio negli stessi giorni del colpo di Stato. “Avevo finito i soldi – continua – ma dovevo fare un nuovo visto e pagare le commissioni. Per fortuna un altro italiano mi ha aiutato e ho potuto lasciare il paese”. Insomma attraversare l’Africa non è stata una passeggiata, ma ce l’ha fatta.

Arrivato a Tel Aviv ha preso un mercantile che l’ha portato a Salerno. Di qui ha continuato il suo cammino, fermandosi qualche giorno a Torino per salutare la famiglia. Poi di nuovo autobus, autostop e un traghetto. Fino in alla Norvegia dove, dopo aver visto l’aurora boreale, ha concluso il suo percorso. Anche questo viaggio diventerà un libro: si intitolerà Vagamondo 3.0 e sarà il quarto della serie. “Uscirà a maggio – precisa – e sto già lavorando anche alla revisione della prima parte. Conto di finirlo presto”. Ora Carlo è con Cristina, in un villaggio senza nome in una foresta svedese nella contea di Gävleborg. “Mi sto riadattando alla realtà – conclude -. Il cambio vita sarà notevole, ma sono sereno e so che è quello che voglio. Anche questo è un viaggio di vita e solo il tempo dirà come è andata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’obesità ai poveri, la dieta fitness ai ricchi. Vale anche per l’educazione

prev
Articolo Successivo

Inquinamento acustico, fino a che ora si può ballare in spiaggia?

next