È  stato condannato a 5 anni il fidanzato di Adele De Vincenzi, la ragazza di 16 anni morta a Genova il 29 luglio scorso dopo aver assunto Mdma. Sergio Bernardin, 21 anni, è accusato di morte come conseguenza di altro reato e spaccio. Per lui il pm Michele Stagno aveva chiesto 13 anni di carcere. Il tribunale ha anche disposto il pagamento di una provvisionale di 50mila euro per la parte civile.

Per questa vicenda era stato assolto lo scorso febbraio l’amico Gabriele Rigotti: era in casa sua che la coppia, insieme a un’altra minorenne, aveva consumato la droga che poi avrebbe ucciso Adele. Il pm aveva chiesto per Rigotti la condanna a 8 anni e 8 mesi, ma il giudice Angela Nutini, chiamata a pronunciarsi dopo la scelta del rito abbreviato, ha deciso per l’assoluzione.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Squadra mobile, la droga era stata acquistata a Busalla da un pusher di 17 anni, indagato dal Tribunale dei minori. La giovane si era sentita male in via San Vincenzo, nel centro di Genova, e poi era morta all’ospedale Galliera subito dopo. A chiamare i soccorsi, quella notte, era stato un netturbino che aveva visto la ragazza per terra e gli amici “confusi” che a suo dire “non facevano nulla” e “non volevano chiamare l’ambulanza”. “È arrivata in coma profondo, abbiamo avviato subito la rianimazione, siamo andati avanti per quasi un’ora, ma non si è mai ripresa”, aveva racconta il direttore del pronto soccorso Paolo Cremonesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Favori in cambio di sesso, condannato a 11 anni ex magistrato Roberto Staffa

next
Articolo Successivo

Milano, provocò incidente e fuggì: confermata condanna a 7 anni e mezzo all’uomo del suv

next