Tentato omicidio, attività terroristica e possesso illegale di armi. Con queste accuse, il Tribunale di Bruxelles ha condannato a 20 anni di prigione Salah Abdeslam e Sofien Ayari. Lo jihadista francese e il suo complice tunisino erano sotto processo per la loro partecipazione alla sparatoria nel quartiere di Forest contro la polizia del 15 marzo 2016, quando furono feriti 4 agenti e un sospetto terrorista rimase ucciso. Abdeslam è l’unico sopravvissuto agli attentati di Parigi del novembre 2015. Il procuratore aveva chiesto 20 anni di carcere per entrambi.

Per il Tribunale i due complici hanno partecipato attivamente alla sparatoria avvenuta nell’appartamento dove erano barricati e condotta con armi da guerra di tipo kalashnikov. Inoltre è “incontestabile” che avessero come obiettivo quello di far parte di un gruppo terrorista e che si muovessero come tali. I due erano “galvanizzati dall’ideologia salafita“, scrivono i giudici. Né Abdeslam né il complice erano presenti in aula al momento della sentenza. Dopo la sparatoria di Forest i due riuscirono a scappare, e Salah fu arrestato quattro giorni dopo in un appartamento del quartiere Molenbeek. Dopo altri quattro giorni, tre kamikaze si fecero esplodere nell’aeroporto e nella metropolitana di Bruxelles.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Legami con l’Isis’, donne e bambine irachene abbandonate nei campi profughi

prev
Articolo Successivo

Germania, non solo Merkel: 5 partiti su 6 guidati da una donna. Ma il gap salariale tra lavoratori e lavoratrici è del 21%

next