La bella stagione è arrivata. Tempo di passeggiate e visite. Anche in aree archeologiche, musei e luoghi d’arte. Quando andare se non durante i fine settimana e nei giorni festivi? Ottimo proposito, l’importante è che non siate in Sicilia.

Chiudono i più importanti musei siciliani durante i festivi e scoppia l’emergenza. Nelle scorse settimane la galleria di Palazzo Abatellis a Palermo, poi il museo Antonino Salinas e adesso anche il Parco archeologico di Naxos Taormina, quindi quello di Segesta, il museo Pepoli di Trapani e il Lilibeo a Marsala. E in molti altri siti la situazione è la stessa”, scrive il GiornalediSicilia.it. A dare la notizia sono i direttori dei rispettivi poli museali, che parlano di “grave criticità” e “danno economico e di immagine che si arrecherebbe alla Regione”.

Il problema qual è? “Una carenza di personale, insufficiente in quanto le ore da coprire sono 24 al giorno e non solo quelle dell’apertura al pubblico”, spiegano i direttori. “Alla base di questa sofferta decisione c’è carenza di personale e poi i turnisti non accettano più di derogare al limite contrattuale di un terzo dei festivi in cui si può lavorare. Deroga che non è prevista comunque dalla legge. Purtroppo manca anche il personale di riserva e tutto ciò si traduce poi in queste decisioni”, ribadisce la criticità, aggiungendone un’altra, Gioconda Lamagna, direttrice del Museo Pietro Griffo di Agrigento.

Pensare a una emergenza non è del tutto corretto. La questione si trascina da anni, ricomparendo in maniera prepotente ad intervalli abbastanza regolare. “La Finanziaria ci ha tagliato i fondi per le turnazioni, mancano un milione e 800mila euro. E per di più anche i finanziamenti previsti non sono mai arrivati. Così abbiamo anticipato noi per i primi sei mesi dell’anno circa 900mila euro. Ora però siamo costretti a bloccare tutto”, scriveva lo scorso luglio il presidente della Sas, la società partecipata che con i suoi 1.900 dipendenti gestisce il servizio di custodia e vigilanza nei beni culturali.

Soldi della Regione finiti, quindi ingressi sbarrati nei festivi, nei prefestivi e di notte. “Intorno ai beni culturali c’è una approssimata e scellerata programmazione economica e gestionale che puntualmente si ripete ogni anno. Più volte abbiamo proposto la rimodulazione dei turni superando l’ormai obsoleto sistema attuale che pone limiti ai festivi e non alle notti. È un sistema previsto dal contratto vigente …”, diceva Gianni Borrelli della Uil. A marzo 2016, a gennaio 2014 e poi ogni anno fino a settembre 2011, stessa questione. Musei ed aree archeologiche chiusi la domenica pomeriggio e i festivi.

Un problema di risorse, certo. Ma anche di organizzazione, evidentemente. L’appello del marzo 2016 firmato da Andrea Camilleri, Pierangelo Buttafuoco e tanti rappresentanti del mondo della cultura sembra rimasto senza risposta. Chiedevano attenzione per il patrimonio siciliano, che tante inchieste restituivano in condizioni disastrose. “Disponibile a ogni forma di collaborazione per valorizzare e tutelare i beni culturali”, aveva promesso il ministro Franceschini. Invece nulla è cambiato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mont-Saint-Michel evacuato: un sospetto minaccia di attaccare la polizia

next
Articolo Successivo

Savona, le immagini del bus in fiamme in galleria. Due giorni di inferno sull’A10 tra code e disagi

next