In un parlamento assolato e semi deserto, mentre Luigi Di Maio lascia il suo ufficio a Montecitorio a bordo della sua auto, è Alfonso Bonafede a rispondere ad alcune domande sulle evidenti divisioni che si stanno consumando in queste ore nel centrodestra tra il leader della coalizione Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, che apre al Pd. “E’ l’occasione da voi sempre auspicata affinché ora Salvini strappi con Berlusconi? Dovete chiederlo a Salvini – risponde Bonafede – queste risposte devono arrivare da lui. Noi per quanto ci riguarda, quello che dovevamo dire l’abbiamo detto”. Poi Bonafede chiarisce l’affare del paventato appoggio esterno di Forza Italia ad un governo M5s-Lega: “Non ci era stato garantito da Salvini – afferma Bonafede – non c’era nessun accordo di questo tipo e in ogni caso il problema non si pone ed il punto più importante per noi era comunque quello di non sederci al tavolo con Silvio Berlusconi”. Dunque col tentativo di formare un governo da parte della presidente Casellati, ormai archiviato, il M5s spera ancora in un possibile accordo solo con Salvini e la Lega per la stipula di un ‘contratto di governo? “Continuiamo a proporre il contratto, che metterà nero su bianco i temi che interessano ai cittadini, alla seconda e la terza forza politica di questo Paese, cioè alla Lega e al Pd”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi “male assoluto”: nel sito del governo dati sbagliati per una distrazione dei sondaggisti di Emg Acqua

next
Articolo Successivo

Trattativa, le reazioni – M5s: “Pietra tombale su Berlusconi”. Lui: “Assurdo accostare il mio nome”. FI: “Quereliamo”

next