Chiara e Micaela hanno sono diventate madri da pochi giorni grazie alla procreazione medica assistita. Il 13 aprile è nato il loro figlio Niccolò Pietro che il 23 aprile rischia di diventare “apolide” perché la legge italiana non prevede il riconoscimento dei figli e delle figlie nate da coppie omogenitoriali. “Abbiamo presentato il problema al Comune quattro mesi fa – spiega Chiara Foglietta, che ricopre anche la carica di consigliere comunale del Pd – ma non abbiamo ricevuto risposte da parte della sindaca. Questa battaglia non è solo per nostro figlio, ma per tutti quelli che vivono la nostra situazione”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Naufragio 18 aprile 2015: vedo occhi, labbra, braccia, gambe. Di chi erano?

prev
Articolo Successivo

Libri di testo, gli editori: “Non confondere parità di genere con femminismo” “No, useremo sindaca e ministra”

next