Chiara e Micaela hanno sono diventate madri da pochi giorni grazie alla procreazione medica assistita. Il 13 aprile è nato il loro figlio Niccolò Pietro che il 23 aprile rischia di diventare “apolide” perché la legge italiana non prevede il riconoscimento dei figli e delle figlie nate da coppie omogenitoriali. “Abbiamo presentato il problema al Comune quattro mesi fa – spiega Chiara Foglietta, che ricopre anche la carica di consigliere comunale del Pd – ma non abbiamo ricevuto risposte da parte della sindaca. Questa battaglia non è solo per nostro figlio, ma per tutti quelli che vivono la nostra situazione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Naufragio 18 aprile 2015: vedo occhi, labbra, braccia, gambe. Di chi erano?

next
Articolo Successivo

Libri di testo, gli editori: “Non confondere parità di genere con femminismo” “No, useremo sindaca e ministra”

next