Dopo 20 giorni e oltre 240mila firme raccolte online Miro può tornare a casa. Il Tribunale di Trento ha emesso il provvedimento di dissequestro del pastore maremmano che era stato portato nel canile di Rovereto dai carabinieri il 22 marzo scorso dopo alcune querele presentate da un vicino di casa che si lamentava per l’eccessivo abbaiare del cane nelle ore notturne. Miro nel frattempo è diventato una star sul web, anche grazie alla petizione lanciata sulla piattaforma change.org dalla proprietaria Eva Munter, e pure in tv, dopo le apparizioni su Rai 1 e Canale 5.

“Siamo molto contenti e non vediamo l’ora di portarlo a casa”, ha spiegato Munter, come riporta IlDolomiti.it. Al sito online trentino ha parlato anche l’avvocata Cecilia Venturini: “Nel provvedimento di dissequestro è contenuta la disponibilità da parte della famiglia a tenere custodito il cane nelle ore notturne”. La famiglia di Miro dovrà rispettare alcuni prescrizioni, tra cui tenerlo in casa dalle 21 di sera alle 7 di mattina, affinché non dia disturbo abbaiando nelle ore notturne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Tap, gli scontri nella notte a Melendugno. Oggi proteste davanti alla questura di Lecce per l’attivista arrestato

next
Articolo Successivo

Cologno, rievocazione nazista rinviata. Sindaco: “Troppe strumentalizzazioni”. Si farà a giugno, ma l’Anpi: “Va cancellata”

next