Sanzioni per assenza dai lavori, violazioni di Statuto e codice etico e mancato rispetto delle decisioni prese dall’assemblea. Ma anche per la mancata contribuzione economica delle attività del M5s. E soprattutto, per la prima volta, si apre a nuovi ingressi nel gruppo parlamentare provenienti da altre forze politiche, a patto che rispettino una serie di condizioni. Sono queste alcune delle norme contenute nello statuto approvato dalle assemblee dei gruppi parlamentari del Movimento 5 stelle nella serata del 27 marzo: il voto previsto nel primo pomeriggio è stato spostato alla serata per permettere a tutti di visionare il documento e non sono mancati i malumori di chi chiedeva maggiore potere per l’assemblea stessa. Le regole recepiscono quasi completamente quelle presenti nei documenti che regolano il Movimento 5 stelle, approvati a fine dicembre scorso. “Nulla di più di quanto già previsto”, ha minimizzato il capogruppo al Senato, Danilo Toninelli. Come previsto dal codice M5s, ad esempio, ogni abbandono derivante da motivi di dissenso politico viene “multato” con una penale di 100 mila euro come “indennizzo” per gli oneri sostenuti dal Movimento all’elezione del parlamentare. “Ciascun componente del Gruppo – si legge ad esempio nello Statuto del Senato – ha il dovere di adempiere alle proprie funzioni con disciplina e onore“.

Scontro tra la senatrice Fattori e Di Maio – Scontro in assemblea del Senato tra Luigi Di Maio e la senatrice Elena Fattori, al secondo mandato in Parlamento. Fattori è tra gli eletti che hanno chiesto del tempo per visionare lo statuto prima di votarlo. Il Capo politico ha risposto che le obiezioni sarebbero dovute arrivare prima del 26 settembre, quando gli attivisti lo hanno eletto leader del Movimento. La senatrice, che tra le altre cose ha anche corso alle primarie M5s sfidando Di Maio, ha messo in discussione i poteri del capo politico, soprattutto se dovesse diventare presidente del Consiglio. “La perplessità che ho sollevato io – ha spiegato all’agenzia Adnkronos – riguarda il ruolo del capo politico nel caso diventasse premier. A lui infatti spetta la nomina del capogruppo parlamentare e degli altri membri del consiglio direttivo. Qualora egli diventasse capo del governo la vedrei come un’interferenza del potere esecutivo su quello legislativo, quindi avrei gradito un distinguo in questo caso, lasciando ai parlamentari l’elezione del capogruppo in caso di un ruolo governativo di Di Maio. La distinzione dei poteri è stata un punto importante nella campagna per il NO al referendum costituzionale che ci ha visti protagonisti”. Alla fine, dopo varie obiezioni, sono stati solo due i senatori che hanno votato contro il nuovo Statuto. Ma anche alla Camera non sono mancate obiezioni e proteste. Qui, a votare contro il documento che disciplina l’attività del gruppo parlamentare, a quanto apprende l’Adnkronos sono stati tre deputati campani: Luigi Gallo, al secondo mandato, e le neo elette Doriana Sarli e Gilda Sportiello, militante storica del Movimento. Ma, a dispetto dei voti contrari, sarebbero state diverse le astensioni (una quindicina) e gli interventi critici in assemblea. Tra questi, a fare le pulci allo statuto Andrea Colletti, avvocato abruzzese al secondo mandato. Di Maio infatti, viene raccontato da alcuni presenti, più volte ha fatto notare che i contenuti dello statuto erano gli stessi che gli eletti avevano firmato nel documento ‘propedeutico’ all’accettazione della candidatura in Parlamento. Per Colletti, invece, qualche differenza tra i due documenti c’è. Ad esempio, nella nomina del consiglio direttivo: lo statuto votato ieri attribuisce al capo politico la scelta dei membri, mentre il documento sottoscritto al momento della candidatura prevede meccanismi più collegiali.

I nuovi ingressi – Con il regolamento dei gruppi parlamentari si dà ufficialmente e per la prima volta il via libera ad “eventuali richieste di adesione” provenienti da deputati o senatori “precedentemente iscritti ad altri gruppi” diversi dal M5s. Le richieste di far parte dei gruppi pentastellati “potranno essere valutate, purché siano incensurati, non siano iscritti ad altro partito, non abbiano già svolto più di un mandato elettivo oltre quello in corso, ed abbiano accettato e previamente sottoscritto il ‘Codice etico’” si legge negli statuti che precisano: “Tali richieste di adesione dovranno essere accettate dal Presidente del Gruppo”. Gli stessi statuti prevedono tuttavia che il deputato o il senatore che abbandoni il gruppo parlamentare “a causa di espulsione ovvero abbandono volontario ovvero dimissioni determinate da dissenso politico sarà obbligato a pagare, a titolo di penale, al Movimento 5 Stelle, entro dieci giorni dalla data di accadimento di uno dei fatti sopra indicati, la somma di euro 100.000,00”.

Capigruppo ogni 18 mesi – Dopo l’indicazione del capo politico sui primi organi direttivi che vanno a ricoprire incarichi nei gruppi, i successivi nomi saranno votati dalle rispettive assemblee sempre con meccanismo di rotazione periodica che però viene di molto aumentata rispetto a quella trimestrale della scorsa legislatura: sarà infatti di 18 mesi.

Contributo economico – Starà poi agli eletti, come previsto dal Codice, “contribuire personalmente all’attività del M5s con uno specifico onere di concorso economico, proporzionale alle indennità percepite”. Sempre il codice “con specifico riferimento al Parlamento” obbliga gli eletti “ad accettare che lo Statuto preveda che il 50% delle quote stanziate dalle rispettive Camere per il funzionamento dei gruppi parlamentari sia stanziato per il sovvenzionamento dei gruppi di comunicazione”. Gruppi la cui organizzazione e scelta spetta al capo politico del M5s.

Il voto di fiducia – I parlamentati, poi sono tenuti “a votare la fiducia, ogni qualvolta ciò si renda necessario, ai governi presieduti da un presidente del consiglio dei ministri espressione del M5s”.

Le espulsioni – In caso di violazioni dello statuto interviene il presidente del gruppo che può procedere fino all’espulsione: “Il presidente del Gruppo”, si legge, “sentito il Comitato Direttivo, nel caso in cui siano segnalate violazioni del presente Statuto o del ‘Codice etico’ ad esso allegato, può disporre, sulla base della gravità dell’atto o del fatto, il richiamo, la sospensione temporanea o l’espulsione dal Gruppo di un componente”. Per quanto riguarda il “Sono in ogni caso espulsi dal Gruppo i componenti del Gruppo che aderiscano ad altro Gruppo parlamentare od al Gruppo misto”. E’ quanto si legge all’articolo 21 comma 3 dello statuto del gruppo M5S Camera. “Fatto salvo il caso di cui al comma 3 ed in casi eccezionali, nonché su indicazione del Capo politico del MoVimento 5 Stelle, l’espulsione dal Gruppo dovrà essere ratificata da una votazione on line sul portale del MoVimento 5 Stelle tra tutti gli iscritti, a maggioranza dei votanti”, recita ancora il documento.

Sanzioni – Questi invece i casi in cui sono previste sanzioni: “Costituiscono, comunque, cause di sanzione: reiterate ed ingiustificate assenze dai lavori della Camera e del Gruppo; reiterate violazioni al presente Statuto e del Codice etico; mancate dimissioni dalla propria carica in caso di condanna penale, ancorché non definitiva; mancato rispetto delle decisioni assunte dall’assemblea degli iscritti con le votazioni in rete; mancato rispetto delle decisioni assunte dagli altri organi del MoVimento 5 Stelle; mancata contribuzione economica alle attività del Movimento 5 Stelle”, recita il documento.

Saranno oggetto di sanzione anche: “Comportamenti suscettibili di pregiudicare l’immagine o l’azione politica del Movimento 5 stelle o di avvantaggiare altri partiti; comportamenti connotati da slealtà e scorrettezza nei confronti degli altri iscritti e eletti; mancata cooperazione e coordinamento con gli altri iscritti, esponenti e eletti, anche in diverse assemblee elettive, per la realizzazione delle iniziative e dei programmi del Movimento 5 stelle, nonché per il perseguimento dell’azione politica del Movimento 5 stelle; tutte le condotte che vìolino, del tutto o in parte, la linea politica dell’Associazione ‘Movimento 5 stelle‘”.