Un deposito di plastica in fiamme, una colonna di fumo visibile a chilometri di distanza, sedici squadre di vigili del fuoco a lavoro. E danni ambientali da verificare. È allarme a Pianezza, nel Torinese, per un rogo all’interno di una ditta di materie plastiche, in un’area di circa 5mila metri quadrati nell’area della Omnia Recuperi.

I vigili sono stati allertati intorno alle 4.30 e l’incendio si è rapidamente allargato, avvolgendo gran parte del piazzale su retro della della ditta. Ancora da chiarire che cosa abbia innescato l’incendio, che ha provocato una colonna di fumo altissima e visibile anche da molti chilometri di distanza. Non ci sono state persone ferite o intossicate dal fumo, dato che l’incendio si è sprigionato in piena notte, quando l’impianto era deserto.

Ma l’aria in zona è fortemente impregnata di fumo e l’Arpa Piemonte dovrà stabilire se ci siano problemi dal punto di vista ambientale monitorando la situazione. Non è stato però l’unico incendio capitato nel Torinese la scorsa notte. I vigili del fuoco, prima del fatto avvenuto a Pianezza, sono dovuti intervenire nel deposito dell’Amiat a Collegno, in via Venaria. A prendere fuoco, alcuni rifiuti in attesa di essere smaltiti anche qui per cause in corso di accertamento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Domenica delle Palme, Papa Francesco: “Giovani non fatevi manipolare e anestetizzare. Non restate zitti, gridate”

next
Articolo Successivo

Migranti “chez Jesus”, i respinti dalla Francia nella chiesa occupata. Il parrocchiano: “Son venuti a sciare?”

next