Per molti è ‘il primo giorno di scuola’, per altri è l’occasione dei saluti dopo alcuni mesi passati in campagna elettorale. Così scivola via la prima votazione per l’elezione del Presidente del Senato, ma proprio i nomi che circolano, danno a questi saluti un particolare sapore politico. Paolo Romani e Anna Maria Bernini, al centro di un braccio di ferro politico tutto interno al centrodestra, sono molto attivi nelle prime ore della seduta. Romani si intrattiene con Renato Schifani, Niccolò Ghedini, Maurizio Gasparri e Luigi Zanda, Andrea Marcucci e Gasparri.

La Bernini saluta Roberto Calderoli e Gaetano Quagliariello, ma intrattiene conversazioni anche con i senatori M5S. Anche la Senatrice eletta con Forza Italia e berlusconiana della prima ora, Maria Elisabetta Alberti Casellati (che i rumors vogliono tra i papabili del centrodestra per la Presidenza del Senato) saluta con un abbraccio Valeria Fedeli. Molti da Luigi Zanda, a Pier Ferdinando Casini, fino al Presidente Giorgio Napolitano dedicano qualche minuto ed un saluto a Stefania Craxi rieletta in Parlamento in questa legislatura nelle file di Forza Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Senato, Brunetta: “Centrodestra compatto. Su Romani domani sera avremo fumata bianca”

prev
Articolo Successivo

Camera, la prima volta di Piero De Luca. Blitz in Aula di Gentiloni tra baci e abbracci

next