Scalfari dice che devo chiedere scusa e rientrare nel partito? Non chiedo scusa e non ritorno sui miei passi. Sono altri che devono scusarsi, e cioè quelli che non hanno voluto vedere il problema nel centrosinistra. E non mi riferisco solo ai politici“. Sono le parole di Pier Luigi Bersani, rieletto come deputato tra le fila di Liberi e Uguali, rispondendo a una dichiarazione di Eugenio Scalfari. Ospite di Dimartedì (La7), l’ex segretario del Pd analizza la sconfitta elettorale del centrosinistra: “Messe così queste forze politiche andavano dritte contro un muro, il dramma è che non siamo nemmeno riusciti a discuterne. Tutte queste cose erano evidenti tre anni fa. Un milione e 100mila elettori ci hanno votato: non ci sarà mica ancora qualche microcefalo della politica che pensa che quelle persone avrebbero votato il Pd? Noi quei voti li abbiamo tolti via dal M5s e dalla Lega”. Poi si sofferma sul M5s: “Sono tre o quattro anni che dico che i 5 Stelle hanno appaltato tante nostre istanze. Dal 2013 sento questa cosa qua. Questa continua demonizzazione dei 5 Stelle gli ha tirato la volata. Bisogna essere equilibrati nel giudizio. Sento che tanto popolo del centrosinistra ha votato M5s. E parlo di popolo, lo sottolineo. Ma è anche vero che tanto popolo ha votato la Lega“. E aggiunge: “Ho sentito Scalfari dire che Lega e M5s si metteranno d’accordo per un governo. Io sconsiglierei ai 5 Stelle di mettersi in quella strada, perché la mucca nel corridoio è la destra nel mondo e anche in Italia. I 5 Stelle hanno ancora un punto che dovrà essere superato, altrimenti non so quale disastro potrebbe accadere: siete in Parlamento, avete il 33%, ma volete dirci cosa pensate della democrazia rappresentativa? Nella nostra Costituzione non c’è la democrazia diretta” – continua – “Quindi, in una democrazia parlamentare, se sei il primo partito ma non hai il 50%, non puoi permetterti di dire: ‘Venite tutti e bussate da noi’. No, tu devi dire cosa vuoi fare. Tu, M5S, non sei il sole intorno al quale girano i pianeti. Il sole è il Parlamento. A me interessa moltissimo che risolvano quel problema e non lo dico in inimicizia”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, il quadro definitivo degli eletti dopo 16 giorni: un errore in Calabria scatena l’effetto domino in 4 Regioni

next
Articolo Successivo

Elezioni, Marescotti vs Migliore: “Sono di sinistra, ho votato M5s per rovesciare il tavolo. Voi del Pd andate via, per favore”

next