Imbarazzi, poche parole e fughe dei neo senatori, tutto mentre il capo politico M5s Luigi Di Maio preferisce tagliare corto e rifugiarsi nel silenzio sul caso di Emanuele Dessì, riammesso nel gruppo pentastellato nonostante le promesse pre-elettorali. Era stato lo stesso Di Maio ad  annunciare che Dessì avrebbe fatto un passo indietro in campagna elettorale, salvo cambiare idea dopo una valutazione dei probiviri sulla questione. “Del caso si occupano e parlano i capigruppo”, ha tagliato corto Di Maio. Ma lo stesso neocapogruppo Danilo Toninelli, arrivando alla riunione dei senatori M5s a Palazzo Madama, si è trincerato dietro un “lasciatemi andare a lavorare”. Un atteggiamento comune anche ad altri eletti, compresa la veterana Paola Taverna

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Camera, Di Maio: “M5s decisivo per l’elezione della seconda e terza carica dello Stato. Dialoghiamo con tutti”

next