Peggio di così non poteva andare, o quasi, per le italiane impegnate in Champions League. Nei quarti la Juventus affronterà il Real Madrid, che l’aveva sconfitta nella finale dello scorso anno a Cardiff, mentre alla Roma toccherà il Barcellona di Leo Messi. La gara di andata dei bianconeri, reduci dalla vittoria negli ottavi contro il Tottenham, si giocherà all’Allianz Stadium il 3 aprile, mentre il ritorno al Santiago Bernabeu l’11 aprile. Percorso inverso per la squadra di Eusebio Di Francesco, impegnata nella gara di andata al Camp Nou il 4 aprile e all’Olimpico il 10 aprile. Gli altri due accoppiamenti dei quarti di finale sono Siviglia-Bayern MonacoLiverpool-Manchester City. Gli spagnoli allenati da Vincenzo Montella, outsider tra le big dopo l’eliminazione del Manchester United, giocherà il match d’andata in casa contro i tedeschi. Mentre il derby inglese vivrà il suo primo atto ad Anfield Road. Per quanto riguarda l’Europa League, invece, sorteggio favorevole per la Lazio, che nell’urna di Nyon ha pescato gli austriaci del Salisburgo. Gli altri accoppiamenti sono Lipsia-Marsiglia, Arsenal-Cska Mosca e Atletico Madrid-Sporting Lisbona. Andata il 5 aprile e ritorno il 12.

LE REAZIONI – TOTTI: “NON PARTIAMO BATTUTI”
“Andremo lì a fare la nostra partita, per fare vedere che la Roma può combattere anche con il Barcellona“. Parola di Francesco Totti, ex capitano dei giallorossi. Per l’attuale dirigente del club di Pallotta “il calcio è bello perché può succedere di tutto, affrontiamo una delle più forti d’Europa ma vedremo quale sarà la risposta del campo. È normale che tutti si aspettano il passaggio del Barça, ma troveranno una squadra competitiva. Ci approcciamo a questa partita da grande squadra, anche loro saranno preoccupati di affrontare la Roma” ha aggiunto. Nel ricordare il titolo di As che questa mattina indicava proprio la Roma come la squadra sulla carta ‘più facile’ da affrontare per le spagnole, l’ex numero 10 giallorosso ha sottolineato: “Per andare fino in fondo devi affrontarle tutte. Giocare contro gente come Messi, Suarez e Pique ti dà uno stimolo in più per fare meglio”. Una Roma protagonista comunque di una buona Champions League: “Siamo arrivati primi in un girone molto molto difficile, contro Chelsea e Atletico Madrid – ha spiegato – Negli ottavi abbiamo superato lo Shakhtar che è una squadra molto forte, abbiamo fatto un cammino più che positivo. Ora anche il Barcellona avrà da sudare”.

LE REAZIONI – NEDVED: “SONO I PIU’ FORTI, MA NEL DOPPIO CONFRONTO ABBIAMO PIU’ CHANCHES”
“Saranno due belle partite, sappiamo che incontreremo i più forti, quelli che hanno vinto le ultime due Champions. Stanno bene, a Parigi mi hanno impressionato, ma noi giocheremo da Juventus e gli daremo del filo da torcere. Non credo che la squadra soffrirà quello che è successo a Cardiff, ora si ricomincia daccapo” ha detto a caldo il vice presidente della Juventus, Pavel Nedved dopo il sorteggio di Nyon che ha visto la Juve pescare il Real Madrid ai quarti di finale. “Sarà difficile, abbiamo due giocatori squalificati (Benatia e Pianic, ndr), ma partiamo ugualmente da zero a zero – ha aggiunto – Se cambia qualcosa affrontarli in gara secca o in un doppio confronto? Psicologicamente loro sul match secco sono più abituati e in occasione della finale di Cardiff si è visto – ha spiegato – mentre sul doppio confronto abbiamo qualche chance in più. Noi stiamo attraversando un buon periodo – ha sottolineato – Volevamo arrivare in queste condizioni a questo punto della stagione, stiamo bene e siamo in corsa su tutti i fronti. In questo senso – ha detto ancora Nedved – il fatto che loro siano già fuori dai giochi in campionato farà sì che concentreranno tutte le loro energie sulla Champions, ma noi siamo pronti. Dybala e Higuain? Sono due giocatori importanti, stanno facendo bene per la Juventus. Parlando di Dybala, ribadisco che tocca a lui fare la storia della Juventus e, se vuole, quella del calcio mondiale: ultimamente l’ho visto bene, si sta allenando bene”.