Da un’intercettazione telefonica fra due albanesi che si accordano su furti da fare nelle stazioni di servizio, emerge come sia considerato il sistema giudiziario italiano. Il procuratore capo di Bergamo Walter Mapelli commenta l’intercettazione e spiega perché la normativa è deficitaria. Tanto da indurre anche malviventi stranieri a venire in Italia per compiere i loro reati. Come non bastasse, i dati “ci dicono che il nostro sistema carcerario produce un alto rischio di recidiva”, spiega il procuratore

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Antonio Ingroia, sequestrati 150mila euro all’ex pm: “Da società regionale rimborsi e compensi non dovuti”

next
Articolo Successivo

Processo P3, condannato a 6 anni e 6 mesi Flavio Carboni. Un anno e tre mesi a Verdini per finanziamento illecito

next