Marco Pucci, uno degli ex manager della Thyssenkrupp condannato per l’incendio che, il 6 dicembre 2007 a Torino uccise sette operai, ha chiesto la grazia al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Pucci sta scontando la pena a sei anni e tre mesi di carcere. “Noi non concediamo la grazia a nessuno. E nemmeno lo deve fare il presidente Mattarella” ha replicato Graziella Rodinó, madre di Rosario, uno dei sette operai morti nel rogo. “Ce li hanno ammazzati, non meritano nessun perdono. Semmai lo chiederanno a Dio. Per ora devono stare in galera”, ha aggiunto.

L’ex manager ha ottenuto la possibilità di svolgere un lavoro esterno con obbligo di rientro in cella alle 18.30 ma nell’ottobre scorso la Cassazione ha respinto il ricorso straordinario presentato da Pucci assieme all’ex amministratore delegato Harald Espenhahn e ad altri responsabili dello stabilimento, giudicandolo “inammissibile“. Nelle motivazioni della sentenza i supremi giudici per gli imputati stabilirono che la loro fu “una colpa imponente”  tanto “per la consapevolezza che gli imputati avevano maturato del tragico evento prima che poi ebbe a realizzarsi, sia per la pluralità e per la reiterazione delle condotte antidoverose riferite a ciascuno di essi che, sinergicamente, avevano confluito nel determinare all’interno” dello stabilimento di Torino “una situazione di attuale e latente pericolo per la vita e per la integrità fisica dei lavoratori“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo P3, condannato a 6 anni e 6 mesi Flavio Carboni. Un anno e tre mesi a Verdini per finanziamento illecito

next
Articolo Successivo

Banca Popolare di Bari, giudice archivia inchiesta per associazione a delinquere. Si indaga per falso in bilancio e truffa

next