Tre cittadini libici, tutti appartenenti all’Isis, sono stati arrestati in Libia per il rapimento e la morte dei due operai della società Bonatti spa, Fausto Piano e Salvatore Failla, rapiti a Sabrata il 19 luglio del 2015 insieme ai colleghi Filippo Calcagno e Gino Pollicardo e poi deceduti il 3 marzo del 2016. Si tratta dell’autista Youssef Aldauody, il basista del gruppo, Ahmed Dhawadi e Ahmad Elsharo, tutti già in carcere a Tripoli per altri reati.

Tutti e tre hanno ammesso le proprie responsabilità e hanno confessato i fatti, raccontando di aver ideato e organizzato il sequestro per finanziare l’organizzazione terroristica. Per loro l’accusa è di sequestro di persona per finalità di terrorismo aggravato dalla morte dei due ostaggi e il gip di Roma Antonella Minunni ha disposto la custodia cautelare in carcere. Le indagini sono condotte dal pm Sergio Colaiocco e dai carabinieri del Ros. Al sequestro e alla sua gestione avrebbero partecipato almeno un’altra decina di persone, morte assieme a Piano e Failla, nel conflitto a fuoco scoppiato il 3 marzo del 2016 durante il trasferimento degli ostaggi in un’altra prigione in seguito al bombardamento americano su Sabrata.

Aldauody, autista per il gruppo di lavoratori italiani, avrebbe fatto da basista, avvertendo gli altri che due giorni dopo, il 19 luglio 2015, avrebbe trasportato via terra un gruppo di italiani. La vicenda ha portato anche all’accusa, ora al vaglio del gup, di cinque dirigenti dell’azienda Bonatti nell’ambito di una tranche dell’inchiesta. Il rapimento dei quattro tecnici secondo il pm Colaiocco, responsabile dell’indagine, poteva essere evitato se l’azienda avesse attuato le misure di sicurezza previste per chi lavora in quell’area. Per questo sono accusati di “cooperazione colposa nel delitto doloso” il responsabile per la Libia Dennis Morson, tre membri del consiglio d’amministrazione e il presidente dell’azienda di Parma. Morson è intenzionato a patteggiare con la Procura una pena a un anno e 10 mesi di reclusione.

I tre arrestati hanno confermato che nella vicenda non c’è stato alcun pagamento di riscatto. La svolta alle indagini è arrivata anche con l’acquisizione di alcuni atti dell’autorità giudiziaria libica tramite rogatoria. In base a quanto accertato dalla Procura e dal Ros alla gestione del sequestro avrebbero preso parte altre dieci persone, tutte identificate ma decedute, assieme a Piano e Failla, nel corso del conflitto a fuoco avvenuto il 3 marzo di due anni fa nell’ambito di un trasferimento verso un nuovo covo di prigionia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Acqua alta a Venezia, allagato il 12% della città: 110 cm sul medio mare

prev
Articolo Successivo

Università, Cineca non ha pagato le tasse: il Fisco vuole 60 milioni di euro. Si profila lo scontro tra il Miur e il Mef

next