Il corpicino di una neonata è stato scoperto in una ditta di trattamento rifiuti di Ostra (Ancona), su un nastro trasportatore. Dall’autopsia è emerso che la piccola era nata viva, senza essere stata accudita né allattata, ma quando è finita sul nastro trasportatore, era già morta. Il pm di turno, Serena Bizzarri, ha aperto un fascicolo per infanticidio.

L’ipotesi più probabile è che la piccola sia stata abbandonata poco dopo la nascita in un cassonetto: l’azienda raccoglie rifiuti da vari centri. Le condizioni del corpicino per adesso non hanno permesso di individuare la causa della morte, forse attribuibile all’inedia, al freddo o a un arresto cardiocircolatorio, conseguenti alle mancate cure dopo la nascita. Vicino al corpo della piccola è stata ritrovata anche una busta di plastica macchiata di sangue che è stata sequestrata e verrà analizzata. I militari stanno esaminando anche le bolle di conferimento dei vari camion che raccolgono i rifiuti per l’azienda di Casine di Ostra per risalire al luogo di provenienza del materiale tra il quale c’era anche il corpo. Ma stanno anche compiendo verifiche negli ospedali vicini ai punti di raccolta per rintracciare la madre della neonata, forse originaria del Nord Africa o del Sud Est asiatico.

“Fare di più per diffondere la legge che tutela il parto in anonimato in ospedale e rafforzare le reti di cura e di prevenzione per le future mamme e i loro bambini”, è quanto chiede in una nota Save the Children commentando la notizia. “Nella nostra esperienza diretta all’interno degli ospedali – spiega Raffaela Milano, direttrice dei programmi Italia-Europa di Save the Children – siamo stati testimoni di diverse situazioni di grave fragilità sociale e psicologica tra le neomamme le quali, tuttavia, adeguatamente informate e preparate, si sono sentite sufficientemente protette e assistite e hanno scelto di salvaguardare la vita e il benessere del loro bambino, partorendo in ospedale in anonimato senza sentirsi obbligate a riconoscere il proprio figlio al momento della nascita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pamela Mastropietro, Oseghale cambia versione: “Pamela era viva e quando sono tornato l’ho trovata nei trolley”

prev
Articolo Successivo

Siracusa, 20enne uccisa a coltellate: il cadavere buttato in un pozzo. Indagato il compagno

next