L’Antitrust dà il via libera all’assegnazione dei diritti tv della Serie A a Mediapro. Ma l’Autorità puntella il perimetro d’azione entro il quale la società – propostasi come intermediaria – dovrà operare.

Pur avendo ritenuto conformi alla Legge Melandri i criteri adottati nel corso della procedura portata avanti dalla Lega Calcio e dall’advisor Infront, nel testo della delibera si specifica che Mediapro “è tenuto a svolgere un’attività di intermediazione dei diritti audiovisivi, rivendendo i diritti ad altri soggetti con modalità eque, trasparenti e non discriminatorie“. Un problema che, a stare a sentire il numero uno Jaime Roures, non esisterà mai, perché il suo obiettivo – aveva detto a Il Fatto Quotidianoè “non solo che il calcio abbia più denaro, ma che i tifosi abbiano più calcio”.

Non solo, l’Antitrust ha chiarito che Mediapro, “intermediario indipendente”,  non dovrà svolgere “attività che determinino l’insorgere di rapporti di concorrenza con gli operatori della comunicazione”. Quindi “non dovranno essere intraprese iniziative che comportino l’assunzione di una responsabilità editoriale, che caratterizza invece l’attività dell’operatore della comunicazione, soggetto fornitore di contenuti multimediali”.

In sostanza, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato non ritiene che Mediapro possa trasformarsi da “rivenditore” dei diritti che la Lega Calcio non era riuscita a vendere ai network televisivi in produttore delle partite. Il canale della Lega, insomma, al momento si allontana. Mediapro dovrà ora presentare una fidejussione da 3 miliardi di euro e un piano industriale per rivendere i diritti tv, che dovrà essere vagliato dall’Antitrust.

A quel punto partiranno ufficialmente le trattative con le tv, Sky in primis ma anche Mediaset pare che sia pronta a correre per le 8 squadre migliori, sperando di rientrare dalla spesa di 1,050 miliardi di euro sborsati per convincere i presidenti dei club a sbloccare la situazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bollette telefoniche, Agcom a operatori: “Fate sconti ai clienti che hanno pagato di più con quelle a 28 giorni”

prev
Articolo Successivo

Tim, il fondo Elliott ha più del 5% e accusa Vivendi di conflitto di interessi. I francesi: “Vuole destabilizzare”

next