Vogliono un giornalista ma purché lavori gratis. È la ricerca varata dalla Regione Siciliana, a caccia di un addetto stampa per le iniziative di “Palcoscenico Sicilia“, la manifestazione prevista dal 15 al 18 aprile per l’edizione 2018 del Vinitaly di Verona. L’incarico sarà “a titolo totalmente gratuito” e nessun onere sarà a carico dell’amministrazione siciliana.

Il dettaglio è contenuto nell’avviso pubblicato sul sito della Regione, a firma del dirigente generale del dipartimento regionale per l’Agricoltura, Carmelo Frittitta. Per inviare le candidature c’è tempo fino al 26 marzo. Il prescelto avrà dunque diritto a “una collaborazione, a titolo gratuito, con adeguata professionalità e competenza, risultante da curriculum, nell’ambito della comunicazione con specifiche competenze nel settore dell’agroalimentare”. Il capitolo della retribuzione è specificato sempre nell’avviso come chiarisce come l’offerta sia “interamente a titolo gratuito comprese le spese di viaggio, vitto e alloggio a Verona nel periodo della manifestazione”. Insomma avrebbe dovuto lavorare ma pagandosi pure le spese. Dopo la diffusione della notizia, infatti, la Regione ha ritirato il bando. “Prendiamo atto con soddisfazione della disponibilità con la quale la Regione ha accolto a stretto giro la segnalazione dell’Associazione siciliana della stampa, sindacato dei giornalisti, sulla illegittimità del bando per la ricerca di un comunicatore a titolo gratuito per lo stand della Sicilia a Vinitaly, decidendo di ritirare immediatamente il provvedimento”, scrive in una nota dell’Assostampa Sicilia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trento, l’autista del bus è di destra e lascia a piedi i migranti. L’azienda di trasporti: “Diverse violazioni”

prev
Articolo Successivo

Milano, vandalizzata la targa per Fausto e Iaio: svastica e insulti sulla lapide in ricordo dei 18enni assassinati dai fascisti

next