Sì, paradosso, perché qualcosa non torna, ma sembra una volontà il volerlo ignorare. Il ministro Marco Minniti dice “In Italia il fascismo è morto e sepolto” e il candidato premier di Casapound precisa “Non rinneghiamo il fascismo“. Ma se loro non rinnegano e un ministro smentisce e acconsente, a che serve la Costituzione?

E se puoi partecipare alla libertà d’espressione che è propria della democrazia, che è l’opposto del fascismo perché l’Istituzione te lo lascia fare, senza che lo Stato abbia nemmeno il pudore di far presente che quella cosa lì è “morta e sepolta” ma impegnandosi a metterla fuori legge una volta per tutte anche di fronte all’evidenza… allora lo Stato rinnega la Costituzione?

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni politiche 2018, quelli che hanno trovato chiuso. Video di un elettore romano: “La gente è tutta fuori, non si può votare”

next
Articolo Successivo

Elezioni politiche 2018, Draghi al seggio bacchetta la moglie: “Dai, stai zitta”. Punita per aver risposto ai giornalisti

next