Il sogno resta l’autosufficienza, la possibilità di raggiungere il 40 per cento per provare a governare da soli. Da Piazza del Popolo, per la chiusura elettorale del M5s a Roma, gran parte degli attivisti crede nella vittoria alle urne. E non vorrebbe prendere in considerazione altri scenari: “Con quali partiti parlare se il 5 marzo il m5s non avesse i numeri per governare da solo? Con nessuno, o M5s o nulla”, c’è chi ripete. Il coro è quasi unanime: se dialogo sarà, sarà soltanto su singoli temi. Ma il punto resta: con chi? Con il Pd che ha già respinto al mittente l’appello di Di Maio a dare i voti a un governo pentastellato e Forza Italia contraria ad accordi con m5s, il fronte si restringe. “Potremmo dialogare con LeU di Grasso”, c’è chi apre. Altri invece restano contrari ad accordi a sinistra: “Ha sbagliato sul Rosatellum, ora serve un cambiamento”. Altri, sempre a sinistra, guardano a Potere al Popolo, che dovrà però raggiungere prima il 3%.

Ma il nodo che divide gli attivisti è il rapporto con la Lega: “Con Salvini mai”, c’è chi rilancia. E ancora: “Siamo agli antipodi”. Altri invece sarebbero favorevoli: “Potremmo trovare convergenze su Fornero e immigrazione”. Ma il sogno comune resta un governo autonomo. Tutto dipenderà dai numeri del 5 marzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Undici domande per il ministro dell’Istruzione in pectore dei Cinque Stelle

next
Articolo Successivo

Elezioni, Di Maio e il Movimento 5 stelle chiudono la campagna in Piazza del Popolo. Segui la diretta

next