Sono stati assolti in appello “per non aver commesso il fatto” gli ex calciatori del Bari Stefano Guberti e Daniele De Vezze e Angelo Iacovelli. La Corte ha dichiarato invece la prescrizione per altri due ex giocatori, Vincenzo Santoruvo e Ivan Rajcic, accusati di frode sportiva per le due partite di serie B Salernitana-Bari e Bari-Treviso (2007-2008 e 2008-2009), vendute dai baresi – secondo l’accusa – per 220mila euro. In primo grado i cinque imputati erano stati condannati  tutti a pene comprese fra 18 e 6 mesi.

Per Guberti, De Vezze e Iacovelli la vicenda finisce ora in secondo grado con l’assoluzione piena con riferimento alla partita del 23 maggio 2009, Salernitana-Bari, finita 3-2. Per Santoruvo e Rajcic, invece, per la presunta combine del 10 maggio 2008, Bari-Treviso, finita 0-1, la Corte d’Appello di Bari ha dichiarato la prescrizione con conferma del risarcimento danni nei confronti della Figc.  A causa del coinvolgimento in questo procedimento, i calciatori hanno subito anche squalifiche disposte dalla giustizia sportiva. “Parliamo di ragazzi che, in ragione delle accuse formulate nei loro confronti, hanno subito un danno irreparabile e non quantificabile – ha dichiarato il difensore di Guberti e De Vezze, l’avvocato Piero Nacci Manara – Accolgo con assoluta soddisfazione il risultato processuale conseguito, ma resta il rammarico in ragione delle squalifiche riportate in seguito ad un giudizio che osserva regole e principi peculiari, quale quello sportivo. Squalifiche per fatti che, al contrario, la giustizia ordinaria ha accertato non essere stati commessi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stragi naziste, liberi quasi tutti i criminali tedeschi condannati. Pg: “E l’Italia si costituisce contro eredi vittime”

next