Cinema Adriano. Roma centro. Il Partito Democratico, in attesa delle chiusure in ‘cento piazze per il programma’ previste per il 2 marzo in tanti luoghi su e giù per l’Italia, chiude con un grande evento che vede sul palco Matteo Renzi, Paolo Gentiloni e Nicola Zingaretti.

Il segretario dem continua a sostenere che l’obiettivo ufficiale di queste elezioni è arrivare primo partito e diventare primo gruppo parlamentare. Molto più realisti appaiano i militanti dem accorsi in massa all’Adriano, i quali dopo aver mostrato un voto più fondato su quanto fatto dai governi guidati dal Pd, rispetto alle proposte in campo per il futuro, affermano che “sarà difficile avere un governo centrosinistra”; “se non ci dovessero essere i numeri per governare, va bene anche un governo di larghe intese” affermano alcuni entrando al Cinema di proprietà del patron della Sampdoria Ferrero. Larghe intese con chi? “meglio Berlusconi che il M5S“.

La scarsa conoscenza delle proposte avanzate dagli alleati del Pd, vengono messe da parte, a favore del fatto che “condividono il nostro progetto”. E se dovesse andare male (con Renzi che ha già annunciato che non si farà da parte), “sarà l’occasione per fare pulizia nel partito”. Ancora dopo la scissione? “Sì, a cominciare da Emiliano“. E se qualcuno è giunto all’Adriano “per ascoltare Zingaretti più che il Pd”, per molti militanti del Pd la certezza di chiama Gentiloni “più adatto a questo momento storico”. “Meno male ci sono Gentiloni e Mattarella”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Renzi vs Di Maio: “Parla solo di poltrone. Ora ci chiede voti, ma è incapace”. E rispolvera i sondaggi 2014

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Gentiloni vs M5s: “Surreale Governo ombra prima del voto”

next