Non è stata trovata alcuna traccia di proiettile all’interno dell’auto della troupe di Striscia la notizia, colpita da una fitta sassaiola nel quartiere Zen di Palermo. Al momento quindi i carabinieri non confermano che contro l’auto sia stato esploso alcun colpo di arma da fuoco.

Domenica pomeriggio l’inviato Vittorio Brumotti stava realizzando un servizio sullo spaccio di stupefacenti nel quartiere, quando l’auto sulla quale viaggiava è stata colpita da grosse pietre e pezzi di cemento  in via Costante Girardengo. Nei giorni scorsi il giornalista e gli operatori avevano ripreso diversi spacciatori tra le strade del quartiere alla periferia del capoluogo siciliano, poi ieri erano tornati allo Zen per raccogliere interviste chiedendo ai residenti se conoscessero o meno alcuni pusher.

Domenica sera la redazione di Striscia la notizia aveano diffuso un comunicato nel quale si evidenziava come verso l’automobile fosse stato esploso anche un colpo di arma da fuoco. Ma gli accertamenti dei carabinieri sulla vettura non hanno permesso di trovare alcuna ogiva. L’auto è stata ispezionata minuziosamente, ma non c’era alcuna traccia del colpo d’arma da fuoco, come sostenuto dagli inviati della trasmissione di Canale 5 che dopo l’aggressione si sono accorti della presenza di un foro sulla carrozzeria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ventimiglia, neve e gelo sull’accampamento dei migranti. I volontari: “Situazione pesante servono legna e coperte”

next
Articolo Successivo

Macerata, mattonate contro la vetrina d’ingresso dell’associazione che si occupa dell’accoglienza migranti

next