Matteo Salvini, leader della Lega, ha citato Pier Paolo Pasolini e l’ex presidente della Repubblica (ed ex partigiano) Sandro Pertini, nel suo intervento dal palco di piazza Duomo a Milano. “Mi chiedo se l’antifascismo rabbioso sfogato nelle piazze a fascismo finito non sia in fondo un’arma di distrazione che la classe dominante usa per veicolare il dissenso”, ha detto, riferendosi alle parole di Pasolini. “Alcuni valori che saranno di guida del governo Salvini, coerenza, onestà e altruismo, erano alcune dei valori che un esule italiano portò fino agli ultimi giorni e che morì proprio oggi nel 1990, il presidente che tutti ricordano, che è Sandro Pertini

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corteo Anpi, la partecipazione di Renzi dura 24 minuti: il tempo di abbracciare Gentiloni e parlare con la stampa

next