C’è una nuova station wagon in circolazione: il che, vista l’irrefrenabile smania di suv, è già di per sé una notizia. Si tratta della rinnovata Volvo V60, una giardinetta di lusso che andrà a battagliare con mostri sacri come l’Audi A4 Avant e la Mercedes Classe C familiare.

L’ultima nata del marchio svedese è anche un “impegno mantenuto” nei confronti della clientela: “Chi guida una station wagon è un cliente importante per il nostro business ed è così da generazioni ormai,” sostiene in una nota ufficiale Håkan Samuelsson, Presidente e ad di Volvo Cars. “La nuova V60 fa onore a questa tradizione, facendola al tempo stesso progredire in modo significativo”.

Lunga 4,76 metri, la vettura condivide quanto di meglio visto sulle Volvo di ultima generazione, a cominciare dalla piattaforma modulare SPA (Architettura di Prodotto Scalabile), già usata per la XC60 e per le declinazioni della serie 90. La V60 viene proposta con due varianti di propulsore ibrido plug-in: l’unità ibrida plug-in T6 Twin Engine con trazione integrale – eroga una potenza di 340 Cv – o l’ibrida plug-in T8 Twin Engine, da 390 Cv, sempre 4×4. Ma ci sono anche i motori benzina tradizionali da 2 litri turbo (250 e 310 Cv) ed i gettonati turbodiesel 2 litri da 150 e 190 Cv.

All’interno l’impostazione è quella vista sulla XC60: la plancia è dominata dal sistema di infotainment touchscreen, compatibile con Apple CarPlay, Android Auto e i dispositivi 4G. La strumentazione tachimetrica è di tipo digitale. Fa parte del corredo di serie la frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedoni, ciclisti e animali di grandi dimensioni (ebbene si, in Svezia sono un problema).

Molto avanzato il sistema “Pilot Assist”, che assiste il conducente in fase di sterzata, accelerazione e frenata su strade “ben contrassegnate” fino a una velocità di 130 km/h. Mentre l’“Oncoming Lane Mitigation” avverte il conducente in caso di sconfinamento dalla corsia di marcia, correggendo automaticamente la sterzata. La V60 sarà disponibile anche con “Care by Volvo”, la formula a canone fisso mensile che consente di utilizzare l’auto senza acquistarla e senza anticipo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrari 488 Pista, la stradale da corsa che mancava debutta a Ginevra – FOTO

next
Articolo Successivo

Metano, un’alternativa concreta per la mobilità sostenibile. Volkswagen ci punta – FOTO

next