Ops, ho sbagliato, cancello subito il messaggio. Facile no? Ora però il salvagente in caso di burrascose tempeste digitali potrebbe non essere più così tanto sicuro. Nel mirino, infatti, sono finiti WhatsApp e la sua funzione che permette di eliminare “per tutti” i messaggi inviati, una delle ultime novità introdotte dalla piattaforma di messaggistica più usata al mondo. Quante volte è capitato di sbagliare a scrivere un messaggio e volerlo cancellare? Quante volte si è schiacciato invio per poi pentirsene e voler tornare indietro nel tempo per rimediare all’errore?

WhatsApp è andato incontro ai suoi utenti – un miliardo e mezzo di utenti al mese il dato di inizio 2018 – e lo scorso ottobre ha inserito il bottone magico che permette di cancellare qualunque messaggio inviato in chat private o in gruppi. Unico limite, il tempo: il timer dice sette minuti, passati questi sarà impossibile cancellare qualsiasi parola. La nuova feature ha riscosso critiche positive in ogni angolo del mondo e i tanti sbadati, i frettolosi o gli innumerevoli impulsivi leoni della tastiera hanno sicuramente tirato un sospiro di sollievo. Ma come spesso succede, le regole possono essere aggirate. E anche WhatsApp non è infallibile. Scripta manent? Forse. Fin dal rilascio dell’aggiornamento, infatti, scorciatoie e trucchetti per bypassare la cancellazione sono sbocciati come fiori al sole facendo il giro del mondo.

WhatsApp, come eliminare “per tutti” i messaggi inviati (e come recuperarli): ecco la verità

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assetto Corsa Competizione, in arrivo il nuovo racing simulator dell’italiana Kunos dedicato alla Blancpain GT Series

next
Articolo Successivo

‘The Ring’ a casa vostra: Samara Morgan esce dal televisore per davvero. Quando la realtà aumentata fa paura

next