La polizia sta indagando su un episodio avvenuto domenica 18 febbraio 2018 a Bari, dove un uomo è stato attirato in un’abitazione privata. Convinto di incontrare un bambino col quale pensava di aver chattato, l’uomo è caduto nella trappola della madre che nelle conversazioni online si era spacciata per il figlio undicenne. Accettato l’invito, l’uomo si è recato a casa del minore convinto di consumare un rapporto sessuale. Ad attenderlo i familiari del piccolo che hanno costretto l’uomo a una confessione dettagliata delle sue intenzioni e a subirne le immediate conseguenze: un pestaggio durato mezz’ora, tutto in diretta su Facebook. Nel corso della diretta, l’uomo viene costretto a esibire i suoi documenti perché non rimangano dubbi sulla sua identità. Al termine la famiglia ha chiamato la polizia, che indaga dopo il racconto degli stessi protagonisti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragusa, minacce e intimidazioni alla ex-moglie: stalker dà fuoco all’auto del nuovo compagno. Il video che lo incastra

next
Articolo Successivo

Consulta, presidente: “Dj Fabo, no ad accanimento contro vita e morte”. E sul voto: “Astenersi è inaccettabile”

next