La polizia sta indagando su un episodio avvenuto domenica 18 febbraio 2018 a Bari, dove un uomo è stato attirato in un’abitazione privata. Convinto di incontrare un bambino col quale pensava di aver chattato, l’uomo è caduto nella trappola della madre che nelle conversazioni online si era spacciata per il figlio undicenne. Accettato l’invito, l’uomo si è recato a casa del minore convinto di consumare un rapporto sessuale. Ad attenderlo i familiari del piccolo che hanno costretto l’uomo a una confessione dettagliata delle sue intenzioni e a subirne le immediate conseguenze: un pestaggio durato mezz’ora, tutto in diretta su Facebook. Nel corso della diretta, l’uomo viene costretto a esibire i suoi documenti perché non rimangano dubbi sulla sua identità. Al termine la famiglia ha chiamato la polizia, che indaga dopo il racconto degli stessi protagonisti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili