La vicenda del superpass auto con cui Agnese Landini può circolare e parcheggiare gratis (ovunque) a Firenze è entrata in campagna elettorale. Merito del marito, che sulla sua bacheca Facebook ha pubblicato un post, minacciando querele a siti e giornali che hanno pubblicato la notizia. Nella fattispecie, il segretario del Partito democratico si è concentrato sul dettaglio ma non ha affrontato la questione principale. Prima ha attaccato i due esponenti di Fdi che hanno reso nota la questione (e che oggi hanno rilanciato, sottolineando che l’ex premier non ha spiegato il perché di quel permesso), poi bollato come fake news la foto che ritrae l’auto intestata alla moglie mentre circola sul Lungarno (il passaggio integrale si può leggere nel post originale qui sotto). Infine ha raccontato di come “per stare a Firenze” abbia dovuto “affittare un posto auto in un garage”, altro che “parcheggi gratis”. Prima di ripetere i messaggi sull’odio pre-elettorale, il segretario del Pd ha cambiato bersaglio, passando alle minacce: “I giornali e i siti che hanno scritto il contrario potranno devolvere il risarcimento danni all’Ospedale Pediatrico di Firenze, il Meyer“. Ilfattoquotidiano.it non potrà devolvere nulla: che l’auto intestata ad Agnese Renzi possa circolare e parcheggiare ovunque è scritto nero su bianco su un documento ufficiale della società Sas, che che ha concesso il super permesso auto “su richiesta della segreteria del sindaco“. Punto. Che poi Matteo Renzi abbia preso in locazione un posto auto nel centro città, cambia niente: il contrassegno c’era, c’è e rimarrà valido fino al 2021. Per gentile concessione di chi si è seduto dopo di lui sulla poltrona più importante di Palazzo Vecchio. La stessa persona che per spiegare l’origine del privilegio ha tirato in ballo il prefetto, ricevendo in cambio una smentita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, pass per parcheggiare ovunque ad Agnese Renzi. Nardella: ‘Richiesta della prefettura’. Che smentisce: ‘Non ci risulta’

prev
Articolo Successivo

Vitalizi, il testamento del consigliere sardo del Pci: “Dono i miei 450mila euro agli studenti in difficoltà economiche”

next