Tra battute e le solite barzellette, a due settimane ormai dalle elezioni, Silvio Berlusconi si è lanciato in uno dei suoi classici show tra i giovani di Forza Italia, che lo aspettavano fuori dalla sede di San Lorenzo in Lucina, prima dell’incontro con Manfred Weber, capogruppo del Ppe al parlamento europeo. Il leader di FI si
è messo a saltare tra i supporter del partito, che intonavano cori da stadio (“Chi non salta Cinquestelle è”). Poi, ha rivolto una battuta ai militanti: “Vi dico la cura per essere giovani, vi do la marca delle mie supposte“. E ancora: “Ho una barzelletta su Di Maio ma non ve la posso dire perché è troppo cattiva e se finisse sui giornali….”.
In vista del voto, invece, Berlusconi si è detto sicuro di vincere: “Sono abbastanza ottimista sul risultato delle elezioni e andare a formare il governo con i nostri alleati di centrodestra”. Poi, ironizzando, ha spiegato: “Bisogna barrare il simbolo di Forza Italia, ma c’è di più: se Forza Italia a uno gli sta proprio sulle palle, fa una croce sopra e cancella…”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vicenza, il comune vuole vietare gli spazi pubblici ai movimenti ispirati al fascismo. “Principi presenti nella Costituzione”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Napolitano beatifica Gentiloni (e le larghe intese): “Punto di riferimento per futuro e stabilità politica dell’Italia”

next