Dopo l’approvazione della legge che prevede fino a tre anni di carcere per chiunque accusi la Polonia di complicità nel genocidio nazista, il premier di Varsavia Mateusz Morawiecki torna sul tema e parla di “responsabili ebrei” dell’Olocausto. La dichiarazione nasce dalla risposta a un giornalista israeliano, Ronen Bergman, che gli ha chiesto se fosse punibile nel caso in cui raccontasse la storia dei membri della sua famiglia, deportati dopo esser stati denunciati da vicini polacchi durante la Seconda Guerra Mondiale. “Non sarebbe punito, non sarebbe considerato un reato dire che ci sono stati dei responsabili polacchi, così come ci furono dei responsabili ebrei, dei responsabili ucraini o tedeschi“, ha affermato parlando in inglese alla conferenza sulla sicurezza di Monaco. In ebraico lo parola da lui usata, ‘perpetrators’, è stata tradotta dalla stampa con l’equivalente ebraico di ‘criminali’.

Sul caso è intervenuto anche il premier israeliano, Benjamin Netanyahu che, fa sapere il suo ufficio stampa, a Morawiecki “ha detto che i commenti che sono stati fatti erano inaccettabili e che non c’è base per paragonare le azioni dei polacchi durante l’Olocausto a quelle degli ebrei”. Noa Landau, del giornale israeliano Haaretz, ha reagito su Twitter parlando di affermazioni “scandalose” e accusando i presenti in sala di esser rimasti in silenzio di fronte alla dichiarazione di Morawiecki. Il giornalista che aveva posto la domanda al premier, Ronen Bergman, ha invece scritto su Twitter che la risposta è “stata incredibile”. E all’indomani dell’episodio una svastica e insulti in inglese sono stati disegnati da ignoti con un pennarello all’ingresso dell’ambasciata della Polonia a Tel Aviv.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francia, Macron propone la leva obbligatoria anche per le donne. Avrà capito che non è femminismo?

prev
Articolo Successivo

Vitoria – Bahia, lo sfottò del calciatore scatena la maxi rissa in campo: 9 espulsi e partita sospesa

next