Forza Italia in crescita, il Partito Democratico in calo, il M5s stabile nonostante il caso “Rimborsopoli“. E’ la fotografia delle intenzioni di voto degli italiani in vista del 4 marzo scattata dall’istituto Ixè per Huffington Post, che registra una concentrazione dei voti verso i due poli considerati favoriti: il partito guidato da Silvio Berlusconi al Nord e il movimento di Luigi Di Maio al Sud.

E’ una discesa costante quella del Pd, secondo l’istituto: in una settimana il partito guidato da Matteo Renzi è dato al 21,5%, in calo dello 0,6% rispetto alla rilevazione del 7 febbraio.  Perde mezzo punto anche Liberi e Uguali, che passa dal 6,5% al 6%. Se i dem e LeU perdono, cresce Più Europa: la lista di Emma Bonino fa registrare il 3,5%, in aumento dal 3% della scorsa settimana e che sembra attirare i voti di coloro che nel Pd non riescono più a riconoscersi. “Il mio obiettivo è portare a votare quelli che non vogliono andarci – ha commentato la storica esponente dei Radicali intervenendo alla Rappresentanza della Commissione europea a Roma – alcuni avranno l’obiettivo di penalizzare Renzi, io non ho questo obiettivo perché si penalizza da solo“.

Sorride Forza Italia, che si attesta al 18% dal 17,3% del 7 febbraio strappando voti agli alleati di coalizione della Lega: il Carroccio non crolla, ma scende dall’11,1% al 10,8%. Una discesa costante, quella del partito un tempo padano trasformato in nazionale da Matteo Salvini, che il 15 novembre era dato al 13,5%.

Appena percettibile l’oscillazione del Movimento 5 Stelle, che passa dal 28,3% del 7 febbraio al 28,1%: un calo dello 0,2% che autorizza a pensare che il caso dei mancati rimborsi non incide più di tanto sulla fiducia che il popolo dei 5 Stelle ripone nel movimento. Le percentuali si traducono così in termini di seggi: in base alla rilevazione del 14 febbraio, Forza Italia ne conquisterebbe 297 in aumento dai 296 della settimana precedente. Il Pd ne perde 2, passando da 143 a 141 e il M5s ne guadagna 3: da 161 a 164.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lorenzo Fioramonti, chi è il candidato M5S: dalla laurea in Filosofia alla critica al pil. Con tappa alla Rockefeller foundation

next
Articolo Successivo

Elezioni, a volte ritornano: dalla Brambilla e D’Alema fino a Bongiorno e Sgarbi, gli ex parlamentari ricandidati

next