“Il nostro auspicio è che la Corte Costituzionale possa stabilire l’incostituzionalità dell’articolo 580 del codice penale, con il reato dell’istigazione o aiuto al suicidio. Si tratta di una norma del 1930, del fascismo”, spiega oggi Marco Cappato, leader dell’associazione Luca Coscioni nel corso di una conferenza stampa alla Camera all’indomani della decisione dei giudici di Milano di mandare alla Consulta gli atti sul processo per la morte di Dj Fabo, nel quale è imputato. “È quello che avevamo chiesto fin dall’inizio”, dice Cappato. “Non si tratta di uccidere la vita”, aggiunge Marco Gentili, co-presidente dell’associazione. “Nessuno dei promotori dell’eutanasia legale è un boia. Hanno tutti profondamente amato la vita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marco Cappato, la Consulta depenalizzi l’aiuto al suicidio per motivi umanitari

next
Articolo Successivo

Mia figlia disabile ha grandi ambizioni, ma per lo Stato non ha il diritto di sognare

next