“Non siamo immuni agli errori, ma abbiamo gli antidoti per correggerli. Chi sbaglia viene allontanato dal Movimento. Chi ha sbagliato ha restituito i soldi che doveva restituire, non hanno più la nostra fiducia e hanno firmato la rinuncia all’eventuale elezione. Danneggiati in ottica elettorale? Sarei preoccupato se fossi un candidato di Forza Italia, di un partito fondato grazie alla collaborazione di Cosa Nostra. Noi non abbiamo nessun illecito commesso perché non avevamo nessun obbligo di versare in quel fondo. Abbiamo alzato l’asticella dell’onestà”. Così Manlio Di Stefano a margine della presentazione dei candidati ai collegi uninominali a Milano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s, Di Maio: “Controllo sui rimborsi? Lo facciamo ora, mele marce non resteranno nel nostro gruppo parlamentare”

prev
Articolo Successivo

M5s, il fedelissimo Borrelli passa al gruppo non iscritti del parlamento Ue. La capa delegazione: “Lascia il Movimento”

next